La favola orlandina è realtà: Sindoni jr e Di Carlo in estasi

    La favola orlandina è realtà: Sindoni jr e Di Carlo in estasi

    Sembra una di quelle favole che sanno di magia, ma così non è. Semplicemente pallacanestro, non da clamoroso al Cibali, anzi al Forum, perché nel perfect game della Betaland a Milano che ha inaugurato i play-off c’è organizzazione, tattica, tecnica, cuore e gambe. E lacrime di gioia, tante, soprattutto di chi l’ha costruita sul mercato. “Per sempre grato a questi ragazzi. Questo staff. Questo club. Storia. Sono al mondo per vivere momenti e non per raggiungere traguardi; ma in occasioni del genere non posso far altro che guardarmi dietro per ammirare il sentiero, respirare forte e sorridere. Uno di quei sorrisi che arriva dritto dal cuore. Grazie a tutti voi”, il tweet del giovane ds Giuseppe Sindoni, premiato come Miglior Dirigente dell’Anno dalla Lega prima della palla a due del più clamoroso match da play-off delle ultime stagioni. Ma se in A2 Verona da ottava ha eliminato Biella che aveva chiuso al primo posto, perchè non continuare a sognare considerando che la serie dopo garadue di domani si sposterà al PalaFantozzi martedi e, salvo bis, giovedi? “Non è possibile mettere in difficoltà Milano, esperta, forte e con un roster profondo – aveva detto Sindoni jr -. L’unico aspetto potrebbe essere quello emozionale, da parte nostra c’è la possibilità di provare a batterli da quel punto di vista perché per loro noi siamo il primo turno di un percorso che deve portarli il più avanti possibile mentre per noi questa è una grande occasione. Comunque io ho regalato 13 fionde ai ragazzi ricordando come Davide abbia sconfitto Golia”. E le fionde sono state efficaci nel 13° confronto tra i due club (9-4 a favore di Milano con un altro blitz paladino a fine 2007) dove la Betaland ha tenuto sotto media la prima squadra per punti segnati in regular season (86,1) alzando a 87 quella propria partendo da quindicesima con 76.4, nonostante un Diener poco “Mandrake” nel playoff giocato con 4 squadre diverse dopo Siena, Sassari e Reggio Emilia. “Adesso non so cosa devo fare con la squadra – le prime parole di un incredulo coach Gennaro Di Carlo, stratega del capolavoro del Forum -. Mi trovo a gestire una situazione che non ho mai vissuto prima. Non ce l’aspettavamo. Non ho mai giocato i playoff. Adesso partiamo dall’1-0 e sinceramente devo ancora capire come gestire questa cosa. Quello che può accadere può essere interessante. Oggi c’è la sensazione di potercela giocare con Milano. Siamo quelli che dovevano retrocedere oggi siamo 1-0 avanti nei playoff. Dobbiamo essere ancora più convinti delle nostre cose e continuare a giocare bene a pallacanestro. L’ultimo periodo ci aveva detto male, oggi abbiamo dato prova di compattezza, volontà in difesa e grande carattere soprattutto quando Milano è tornata a premere nel finale. Tutti hanno dato un contributo importante, i ragazzi sono stati bravi a rispettare il piano gara. Nelle sei settimane prima di Pesaro m’innervosiva pensare che ci potevano sfuggire i playoff. Sapevo che i nostri 28 punti non erano un caso, ce li eravamo conquistati. Dobbiamo iniziare da subito a preparare bene gara 2 adesso, ma è veramente difficile”

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.