Milazzo, i dipendenti proclamano lo stato d’agitazione

    Milazzo, i dipendenti proclamano lo stato d’agitazione

    A Milazzo è stato proclamato lo stato di agitazione dei dipendenti comunali. La decisione è stata presa questa mattina durante un’affollata assemblea dei dipendenti comunali convocata da CGIL, CISL e CSA.
    I rappresentanti sindacali Crocè, Cammaroto, Coledi e Paladino hanno incontrato i dipendenti che lamentano la sostanziale assenza di rapporti sindacali con l’Amministrazione e l’applicazione di alcune norme che spesso trascende in veri e propri atteggiamenti vessatori. I ritardi nella definizione della contrattazione decentrata (ferma al 2010), il mancato riconoscimento di attività lavorative prestate in eccedenza, la mancata applicazione di alcune norme per i contrattisti, ed una gestione approssimativa del “regolamento dell’orario di lavoro”, oltre ai disagi causati da una disorganizzazione nei rapporti di lavoro, sono i punti salienti di una vertenza che potrebbe portare, se non risolta, ad azioni più incisive.
    Nel mirino in particolare l’operato del Dirigente Responsabile del Personale, Dott. Michele Bucolo. L’assemblea ha deliberato la proclamazione dello stato di agitazione e l’avvio della procedura di raffreddamento presso la Prefettura di Messina.

    Condividi: