L’Orlandina basket 2017-2018 inizia a prendere forma

    L’Orlandina basket 2017-2018 inizia a prendere forma

    L’Orlandina basket 2017-2018 ha già dei punti fermi a partire dallo staff tecnico, riconfermato in blocco con Flavio Fioretti vicino alla firma anche per la prossima stagione. Sul fronte giocatori sicura la permanenza di Stojanovic che, comunque, rientrerà al giro di boa dopo l’intervento al ginocchio, così come il rientro di Mario Ihring, mentre non è del tutto scontato che Laquintana resti in biancoazzurro nonostante il contratto in essere. La società lavora alle altre riconferme anche se Iannuzzi è destinato a tornare vicino casa ad Avellino, Archie meriterebbe di fare un salto pur se ora è appetito soprattutto da Varese, mentre con Delas e Diener il discorso è in piedi. Quasi sicura, anzi certa, la voglia di Janis Berzins di tornare a Capo d’Orlando allungando il contratto che scadeva a giugno con le due parti vogliose di proseguirlo dopo le ottime prove nei play-off del lettone che si è appena fatto vivo sui suoi social network. “Grazie Orlandina Basket per la stagione memorabile. È stato un piacere giocare per la società e la splendida gente di Capo d’Orlando. Ci vediamo la prossima stagione. #forza capo”, ha scritto ovviamente in inglese il biondo esterno che, salvo sorprese, sarà uno dei 4 europei nel roster del settimo torneo di serie A del club, il quale valuta rinforzi sul mercato italiano per completare le rotazioni della formula 3+4+5. Per il ruolo di cambio degli esterni si valuta Fabio Mian (Riccardo Sbezzi), 25enne guardia che si libererà da Cremona (6.3ppg e 1.5rpg nel 2016-17). Nel 2008 è stato l’unico atleta italiano ad essere selezionato e a partecipare al Jordan Classic International Game. La fase finale di questo prestigioso torneo americano, organizzato da Michael Jordan, si è svolta al Madison Square Garden e ha raccolto i migliori prospetti internazionali…Nel 2009 ha giocato con la propria squadra (la Cestistica Basket Udinese) il Trofeo Barilà (torneo Internazionale Under 17) aggiudicandosi il titolo di MVP. Nel mese di giugno ha disputato sempre con la CBU le finali nazionali categoria Under 17 mettendosi in luce come uno dei migliori realizzatori della manifestazione. Nell’estate 2009 firma con Varese, dove esordisce in Serie A il 25 ottobre 2009 contro Biella (78-87). Viene convocato nella nazionale italiana Under 18. Disputa 5 partite in Serie A. Nel 2011-12 è in Serie B1 a Bari poi due stagioni ad Agrigento nella stessa serie prima della chiamata della Vanoli Cremona nella stagione 2015-16. Invece la 20enne ala forte serba di formazione italiana Stefan Nikolic (MVP), miglior Under 21 di B di cui dispeterà la finale con Napoli (12.7ppg e 5.6rpg nei playoff in pieno svolgimento), sarà invece girato a fare esperienza in una squadra di A2. Intanto l’Orlandina ha firmato Zdravko Okiljevic (Sports Leader Agency), 16enne ala piccola montenegrina prelevata dall’OKK. Ad allettare vecchi e nuovi la prospettiva della partecipazione alla Champions League. Nei prossimi giorni verrà definito il nome della quarta squadra partecipante al Qualification Round che per diritto di classifica dovrebbe spettare a Pistoia con Capo d’Orlando prima alternativa con Torino da poco affidata a Banchi preme per avere una wild card per l’Eurocup. Ufficiale la scelta della società italiane aventi diritto alla partecipazione alle coppe europee 2017-18: Venezia, Sassari e Avellino hanno rinnovato la fiducia alla Champions League FIBA già disputata nel 2016-17 con bonus di risultato rispettivamente di 220, 160 e 120 mila euro; Trento e Reggio Emilia occuperanno invece i due slot disponibili per l’Eurocup, competizione che avevano già disputato nel 2015-16. Rispunta in Lega Basket il progetto di una A. La nuova proposta di Milano, raccolta da altri club, prevederebbe l’ipotesi di passare dalle attuali 16 squadre a girone unico a 20 partecipanti suddivise in due Conference da 10 squadre. Il calendario prevederebbe 28 partite totali (andata e ritorno contro le squadre dello stesso gruppo e gare di sola andata contro le altre 10) con un format più compatibile con i tempi ristretti dalle finestre per le Nazionali (20-28 novembre 2017 e 19-27 febbraio 2018, oltre a 25 giugno-3 luglio 2018). L’ipotesi al vaglio prevede il blocco delle retrocessioni per due stagioni consecutive già a partire dal prossimo campionato e due promozioni dalla A2 fino al raggiungimento delle 20 squadre nei tempi previsti dalla FIP per la messa in atto della riforma a regime dal 2019-20. Il piano allo studio, ancora da illustrare fuori dalla Lega, non trova però il favore della LNP, che ha già inviato a FIP e Lega Basket la programmazione fissata per il passaggio a 18 squadre (e 34 partite di regular season) concordato nei mesi scorsi; il 2017-18 prevedrebbe il format attuale e nel 2018-19 tre promozioni in A e una sola retrocessione in A2 per avere 18 squadre dal 2019-20. LNP è pronta inoltre a chiedere formalmente che in sede di ratifica delle DOA 2017-18 venga ufficializzata la formula dei campionati nazionali delle annate future per aiutare la programmazione delle società. Anche la FIP, informalmente, pare poco propensa ad accogliere il progetto – che in ogni caso dovrebbe essere approvato dal Consiglio Federale – sia per non cambiare le regole già definite della prossima stagione sia perché il blocco delle retrocessioni sarebbe ipotesi poco gradita.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.