Mistretta, si infiamma il clima politico

    Mistretta, si infiamma il clima politico

    Scambio di accuse tra amministrazione e opposizione e richiesta di un confronto pubblico. Il clima politico si fa caldo a Mistretta dopo la conferenza stampa convocata dal sindaco Liborio Porracciolo per parlare della situazione politica e amministrativa. Gli assessori hanno illustrato l’attività svolta, ma non sono mancate le accuse al gruppo di opposizione che è maggioranza in Consiglio e, a causa di un “atteggiamento negativo” “ha impedito la realizzazione di altre cose”. Parole dure anche dal Vicesindaco Oieni che ha parlato di “clima di terrore creato da un’opposizione consiliare sfascista”. “La mancata approvazione del bilancio da parte del Consiglio Comunale, non ha consentito di dare risposte ai cittadini e soprattutto la contrapposizione che si è venuta a creare ha impedito il dialogo costruttivo”. “Non c’è deliberazione di giunta – ha affermato l’assessore al patrimonio – che non venga contestata dal gruppo di opposizione che, avendo dalla sua i numeri opera scelleratamente creando danni ai cittadini”.  Per il presidente del Consiglio, Felice Testagrossa, che ha sfidato il sindaco Liborio Porracciolo  ad un confronto pubblico, si è assistito ad un “inverosimile monologo ricco di accuse, veleni, intimidazioni ed attribuzioni di responsabilità” . Da qui la richiesta del Presidente del Consiglio di confrontarsi col sindaco Porracciolo al cinema comunale o in altra sede pubblica, alla presenza della cittadinanza, dei consiglieri, delle autorità civili, militari e religiose.

    Condividi: