Ginnastica artistica: July Marano comincia da Mortara

    Ginnastica artistica: July Marano comincia da Mortara

    Buono ed incoraggiante l’esordio a livello nazionale di July Marano, l’ultima enfant prodige dell’Asd Gymnasium Capo d’Orlando, società leader in Sicilia nella disciplina che da 30 anni porta in giro anche per l’Italia. Stavolta ha fatto tappa a Mortara nel pavese, dove l’allieva di Emanuele Curcio, 8 anni appena, ha debuttato ai vertici italiani di categoria, traguardo che si era meritata dopo il titolo regionale conquistato in casa. Un paio di cadute alla trave, attrezzo dove in allenamento eccelle, sono costate un posto forse anche sul podio per July, perfetta o quasi sia alle parallele che al corpo libero ed al volteggio. Al di là della classifica finale sulle 40 partecipanti, però, la sensazione che la Marano, se continuerà ad allenarsi con impegno e costanza, potrà a breve competere con le più forti dello stivale. “Grazie alla Gymnasium di Curcio per la passione che ci mette – commenta Mirella Mancani, mamma di July ovviamente al seguito nella parentesi lombarda -, per il tempo e per la pazienza nel voler allenare mia figlia. Grazie per la bellissima esperienza vissuta, spero un giorno possa essere ripagata. Ovviamente anche grazie anche a Franca (moglie di Emanuele, ndc) per la pazienza che ha nel vederti tornare tardi e un grazie a Davide Trio ed Emanuela Curcio (reduce dal ruolo di arbitro nazionale a Torino, ndcemanuela) che nel loro piccolo danno il loro supporto”. Di rientro da Mortara July Marano è stata premiata dal sindaco di Messina, Renato Accorinti. accorinti-marano
    premiazione marano

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.