Basket, Nardò promossa in B, Costa rimandata a Montecatini

    Basket, Nardò promossa in B, Costa rimandata a Montecatini

    Capo d’Orlando – Lo spumante rimane in frigo. L’Irritec Costa d’Orlando cede il passo per la prima volta in stagione tra le mura amiche all’attrezzatissima Nuova Pallacanestro Nardo per 62-68 e rinvia la festa per la promozione in Serie B. La compagine del presidente Giuffrè si qualifica comunque come seconda nel girone B per gli spareggi della fase nazionale che si svolgeranno il prossimo weekend a Montecatini Terme e che premieranno due delle tre seconde di questi raggruppamenti post-stagionali.
    Partita dal grande pubblico al “PalaValenti”, con numerosi tifosi presenti ad incitare i propri beniamini. Il tifo granata risulta il vero sesto uomo in campo. I supporters di Nardò fanno sentire un calore superiore alla squadra pugliese rispetto al pur affezionato pubblico locale. Purtroppo, l’omologazione degli spalti del palazzetto orlandino non permette l’accesso a tutti gli appassionati di pallacanestro, con qualcuno costretto a rinunciare. Si registra anche qualche malore tra il pubblico a causa di un’insufficiente areazione di una struttura che risente di mancata manutenzione. La gara inizia con i pugliesi che cominciano meglio grazie ad un buon Provenzano. La Costa risponde appoggiandosi spesso sotto canestro con il positivo Caronna ma fanno fatica a trovare punti da fuori. Nel frattempo, tra gli ospiti si accende Stella, che con 9 punti nel primo parziale regala il vantaggio ai suoi, 16-24 al mini-riposo. Nel secondo quarto, la difesa paladina sale di colpi. Nardò mantiene il gap (21-29) tenendo difensivamente ma non segna mai. Un buon break di 10-0 dei biancorossi nei minuti finali del periodo vale così il sorpasso. All’intervallo è 31-29 Costa. L’inizio ripresa è un continuo botta e risposta tra le due formazioni. Da un parte Fazio e Caronna e dall’altra Stella e Bjelic cercano di portare avanti le rispettive squadre, con gli altri atleti sul parquet che segnano col contagocce. Il periodo, molto intenso ma non troppo spettacolare, si conclude sul 47-47. Nell’ultimo quarto, gli uomini di coach Condello sembrano portare dalla propria parte l’inerzia dopo una tripla di Bjegovic che vale il 52-47 ma Nardò si dimostra squadra matura e, nonostante un quintetto carico di falli, riesce a rimettere il muso avanti grazie ai soliti Stella e Bjelic. La Costa d’Orlando prova a reagire ma le pessime percentuali dall’arco e dalla lunetta puniscono i padroni di casa. L’ultima chance per Sgrò e compagni sarebbero i supplementari ma le conclusioni dei siciliani sono fuori bersaglio mentre gli ospiti mettono in ghiaccio l’incontro ai liberi. Finisce 62-68 per i granata, che possono brindare alla B davanti ad oltre 100 tifosi pugliesi. Per i paladini la prossima opportunità di centrare la promozione sarà a Montecatini Terme, tramite gli spareggi, dove sfidare Battipagliese e quasi certamente Lamezia Terme. Il sogno continua.
    Irritec Costa d’Orlando-Nuova Pallacanestro Nardò 62-68
    Parziali: 16-24; 31-29; 47-47; 62-68.
    Irritec Costa d’Orlando: Ferrarotto ne, Marinello 3, Sgrò 3, Manfrè 1, Strati ne, Gambardella ne, Munastra, Antinori 2, Fazio 14, Caronna 17, Mancasola 9, Bjegovic 13. Coach: Giuseppe Condello.
    Nuova Pallacanestro Nardò: Stella 26, Dell’Anna M., Provenzano 6, Bjelic 15, Dell’Anna D. 1, Fracasso ne, Chirico 11, Iacomelli ne, Durini, Polonara 9, Martino, Durante ne. Coach: Davide Olive.
    Arbitri: Davide Mario Silvio Quadrelli di Cassano Magnago (VA) e Stefano Gusmeroli di Cantello (VA).

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.