Calcio, a Messina c’è chi torna, chi arriva e chi saluta

    Calcio, a Messina c’è chi torna, chi arriva e chi saluta

    Per un’Acr Messina che ritrova almeno per un anno il vecchio caro Celeste dopo la concessione del comune e prova a coagulare quante più risorse economiche per risollevare le sorti del club, c’è un Città di Messina che ha ritrovato il campionato di Eccellenza ma ha perso Santino Bellinvia, il miglior allenatore sulla piazza che ha compiuto il miracolo che non è bastato a tenerlo sulla panchina peloritana. Il sostituto, però, c’è già ed è Giuseppe Furnari che, dopo la trionfale stagione alla guida del Camaro, ha superato la concorrenza di Antonio Alacqua, ed al CdM ritrova anche il direttore sportivo Angelo Alessandro, anche lui al Camaro lo scorso anno. Per Alessandro si tratta di un gradito di ritorno. L’ex dirigente di Acr Messina, Arezzo e Fondi ricoprirà anche il ruolo di responsabile dell’area tecnica di prima squadra, settore giovanile e scuola calcio. Tornando al condottiero ecco le sue parole di commiato. “Solitamente i ringraziamenti si lasciano per il finale, è vero – scrive Bellinvia -. Il finale è forse la parte più bella e importante di una lettera, di un messaggio, di un pensiero. Lo è stato anche della nostra stagione insieme. È stata una strada piena di insidie, difficoltosa, ma che abbiamo percorso insieme, come solo un grande gruppo sa fare. Per questo ho iniziato dalla fine, perché proprio l’ultimo triplice fischio di quest’annata ci ha dato la consapevolezza dello straordinario lavoro svolto, sottolineo ancora una volta, insieme, ripagandoci dei tanti sacrifici fatti. Non voglio fare nomi, rischierei di dimenticare qualcuno e non me lo perdonerei. Mi limito a dire che ciò che abbiamo costruito è stato qualcosa di fantastico dal punto di vista calcistico e meraviglioso sul lato umano ed è stato merito di tutti. Dal presidente ai dirigenti, dai miei collaboratori ai calciatori, dallo staff al completo fino, soprattutto, ai tifosi. Abbiamo riportato il Città di Messina in Eccellenza, una categoria certamente più consona al blasone di questa squadra e alla competenza della sua gente. Abbiamo lottato contro mille avversità, abbiamo fatto ricredere gli scettici ma soprattutto abbiamo ripagato la fiducia di chi ha creduto sempre in noi e nel nostro lavoro. Per me, il Città di Messina resterà un capitolo indelebile di un libro con tante storie raccontate e altre ancora da vivere. Le emozioni di quest’annata non possono essere espresse a parole, posso solo umilmente condividere con voi questo pensiero, abbracciandovi uno per uno con enorme affetto. Un team di successo batte con un solo cuore, un cuore giallorosso. Grazie per avermi fatto sentire parte integrante di questa magnifica famiglia, spero di aver dato tanto quanto voi avete dato a me”. SANTINO BELLINVIA IL TECNICO ED EX DEL MATCH

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.