Calcio, entra nel vivo il mercato degli allenatori con clamorose novità

    Calcio, entra nel vivo il mercato degli allenatori con clamorose novità

    Il valzer delle panchine messinesi è in pieno svolgimento con Antonio Venuto tanto per cambiare in corsa per quella dell’Acr Messina di Legapro dopo l’addio di Lucarelli che ha firmato un biennale a Catania. La seconda società provinciale, l’Igea Virtus, non ha ancora il si alla terza stagione di Giuseppe Raffaele, tentato dall’avventura in Campania, tra la Turris ed un Savoia al momento in Eccellenza ma ambizioso di scalare in breve le categorie anche tramite ripescaggio o fusione. L’eventuale addio di Raffaele aprirebbe una successione pesante con un paio di nomi barcellonesi buoni per proseguire il cammino igeano. In lizza per la panchina giallorossa, infatti, ci sarebbero Santino Bellinvia (artefice del miracolo Città di Messina ed allettato dal Paternò, club in odore di ripescaggio in Eccellenza) che ha iniziato la sua carriera proprio nelle giovanili igeane ma non è mai stato profeta in patria, con Pasquale Ferrara come valida alternativa anche se l’ex Rocca e S.Agata dopo aver traghettato l’Igea in Eccellenza, potrebbe rientrare in gioco per un’altra panchina che a sorpresa rischia di rimanere vacante, ovvero quella del Milazzo, dove Danilo Rufini non sembra più essere così sicuro di rimanere. Chiudendo il cerchio con le squadre di Eccellenza messinesi va verso la riconferma Francesco Palmeri nel Rocca Caprileone, ormai archiviata la firma di Formisano con il Città S.Agata e quella di Furnari col Città di Messina, mentre Antonio Alacqua dovrebbe occupare quella dell’altra neopromossa Camaro.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.