Calcio giovanile: successone per il Trofeo delle Due Sicilie

    Calcio giovanile: successone per il Trofeo delle Due Sicilie

    Successo su tutta la linea per la Tyrrenium di Patti, Gioiosa Marea e Capo d’Orlando, che, grazie all’interessamento di Tino Mastrolembo e Cristian Magistro, ha regalato un lungo fine settimana all’insegna del calcio giovanile con la partecipazione di centinaia di bambini e ragazzi provenienti da mezza Italia. La terza edizione del “Trofeo delle Due Sicilie” si è svolta negli impianti sportivi di Patti e precisamente il campo del quartiere di San Giovanni, quello della zona Playa e quello della frazione Mongiove, Gioiosa Marea, Gliaca di Piraino, Brolo e Capo d’Orlando. Le società Torino, Lazio, Trapani, Termini Imerese, Città di Messina e Gescal Messina, Avola, Ragusa, Invictus Catania e Catania 80, Trinacria Porto Empedocle, Salernitana, Igea e Orsa Barcellona, Futura Brolo, Sant’Angelo, Folgore Sant’Agata M., Pattese e ovviamente Tyrrenium Patti, sono scese in campo per vincere ma soprattutto per dare modo ai loro tesserati di divertirsi con il gioco più diffuso al mondo. “Orgogliosi di aver ospitato le migliori squadre siciliane e le eccellenze italiane, pronte a dare spettacolo e divertirsi – il commento di Tino Mastrolembo -. Migliaia di bambini e centinaia di famiglie interessati, con effetti turistici e pubblicitari positivi su tutto il territorio. Sacrifici e sudore nei fatti”. Chiudendo con il mero risultato sportivo non è stata un bello spettacolo la finale della categoria Giovanissimi dove vecchie ruggini mai sopite sono sfociate in principi di risse, proteste, espulsioni e comportamenti di tesserati non consoni allo scopo di manifestazioni del genere. Che abbia vinto l’Orsa Barcellona 1-0 in finale sulla Pattese poco conta poiché lo spettacolo offerto al comunale di Brolo non è stato decoroso. Decisamente più entusiasmante e corretto l’epilogo tra gli Esordienti dove alla fine dei 40’ regolamentari e dei due overtime da 5’ ciascuno, più tutta la serie dei 5 rigori e degli 11 titolari, la parità tra Salernitana e Torino non si è schiodata e così le due società hanno deciso di dividersi il primo posto per la gioia dei giocatori che a questi livelli vanno in campo per vincere e crescere senza pensare al professionismo ed ai soldi. Segnatevi comunque il capitano campano Valesini, 12enne già nel mirino del Barcellona, quello di Spagna, regista sopraffino con la testa sulle spalle che, se continuerà con questo impegno e qualità, sfonderà di certo nel mondo del calcio essendo potenzialmente un Verratti. Per il resto trionfo per la Trinacria Porto Empedocle nei Piccoli Amici, l’Orsa per i Primi Calci e Gescal Messina tra i Pulcini.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.