“Piccola pesca mortificata dal decreto”, Federcoopesca annuncia battaglia

    “Piccola pesca mortificata dal decreto”, Federcoopesca annuncia battaglia

    Il Decreto Ministeriale sulla “Disciplina della piccola pesca e pesca artigianale”, da qualche giorno online sul sito del Ministero, “avrà un impatto devastante per il settore”. la dura critica viene da Federcoopesca Sicilia che, tramite il suo presidente Nino Accetta, attacca il provvedimento. “A gennaio avevamo chiesto un incontro al Ministero, sollecitando l’organizzazione di un seminario tecnico-illustrativo quale indispensabile e doverosa occasione di confronto. Adesso – denuncia Nino Accetta – ci vediamo notificare un Decreto sul quale non ci è stato concesso interloquire, che avrà un impatto devastante sul mondo della piccola pesca in quanto zeppo di criticità e di nodi che non potranno non venire al pettine, cominciando dai Co.Ge.P.A.”
    Federcoopesca – che annuncia eclatanti azioni di protesta – contesta il Decreto nel merito ma anche nel metodo, poiché – denuncia – “è vero quel che il Decreto strombazza, e cioè che le Associazioni di Categoria sono state sentite ma è anche vero che non sono state ascoltate, e che si è preferito lasciare cadere nel vuoto le loro giuste osservazioni”.
    Federcoopesca Sicilia, pur rifiutando di “vedere nella vicenda la volontà terroristica di sminuire e screditare le Associazioni di Categorie agli occhi della base associativa, sottolinea “il dato di fatto, inconfutabile e inaccettabile che le attese dei pescatori sono state ignorate e un intero comparto produttivo mortificato”. L’Assessore Cracolici e il Direttore Cartabellotta – conclude Nino Accetta – sono stati puntualmente informati, “al fine di fare fronte comune per la difesa della pesca siciliana e siamo sicuri che non faranno mancare il loro appoggio in vista delle inevitabili future battaglie”.

     

    Condividi: