Laquintana e Diener salutano ufficialmente Capo d’Orlando

    Laquintana e Diener salutano ufficialmente Capo d’Orlando

    Pistoia ha chiuso con Tommaso Laquintana che sarà il play di riserva della squadra di Vincenzo Esposito. Contratto biennale per l’atleta del 1995 che transa con Capo d’Orlando per accasarsi alla The Flexx.
    Intanto Cremona (girone Est di A2) inaugura il mercato giocatori con la firma di Drake Diener. La 35enne guardia-ala statunitense tornerà in coppia con Meo Sacchetti dopo le 3 stagioni consecutive a Sassari chiuse col premio di MVP della serie A nel 2013-14. Diener scenderà nuovamente nel secondo campionato italiano dove aveva debuttato nel lontano 2006-07 a Castelletto Ticino, ancora con Sacchetti che lo ha allenato per 6 delle sue 10 stagioni italiane. La notizia ufficiale della firma di Drake Diener alla Vanoli Basket Cremona è di qualche ora fa. Lui, però, ci ha tenuto a salutare personalmente Capo d’Orlando e tutta la sua gente. Ecco la lettera che Drake ha scritto per voi! Da parte nostra, tanti, un enorme abbraccio e l’in bocca al lupo per la sua nuova avventura cremonese: ”
    “Amici di Capo d’Orlando, come molti di voi sapranno non giocherò con l’Orlandina nella prossima stagione. Questa è stata una decisione molto difficile da prendere, ma credo che fosse quella giusta da prendere sia per me che per la mia famiglia. Sono felice di aver fatto parte della squadra che ha conquistato la possibilità di giocare la Basketball Champions League, ma a questo punto della mia carriera, e con tre figli piccoli, preferisco una situazione nella quale posso giocare una partita a settimana e non sovraccaricare mia moglie e i miei figli con ulteriori mie esigenze professionali. Proprio in questi giorni mi si è presentata la possibilità di raggiungere coach Meo Sacchetti a Cremona e credo davvero che questa sia la situazione perfetta per la mia famiglia. Ho assolutamente adorato la mia esperienza a Capo la scorsa stagione, e sono incredibimente orgoglioso di aver fatto parte di una così grande squadra e di aver giocato con un gruppo di persone speciali. Sono grato a Peppe ed Enzo Sindoni di aver avuto questa opportunità e sempre lo sarò. Per me è triste pensare di lasciare lì così tanti amici, sia dentro che fuori dal campo di basket. Ho incontrato gente fantastica, che è stata sempre gentilissima, generosa e paziente con la mia famiglia. Spero che queste persone capiscano quanto noi le abbiamo apprezzate. Capo d’Orlando è un posto SPECIALE. Molte volte, nel corso dell’ultima annata, io e mia moglie ci siamo guardati e ci siamo detti ‘Siamo così fortunati a vivere qui!’, sia per la bellezza della città che per lo spirito della gente. E’ davvero difficile lasciarsi tutto questo alle spalle. Avremo sempre ricordi fantastici di Capo. Voglio ringraziare coach Gennaro Di Carlo e il suo staff: hanno fatto un grande lavoro ed è stato piacevole stare in loro compagnia. Penso che Di Carlo sia un eccellente allenatore con un grande futuro, mi mancherà parlare di basket con lui. Grazie anche a Biagio e al ‘Prof’, che mi hanno rotto le scatole costantemente e che sono diventati miei grandi amici. Grazie a tutti: ai miei compagni, allo staff, alla società, ai miei vicini, agli insegnanti dei miei bambini, a tutte le grandi persone incontrate nei ristoranti, bar e caffè. Un gruppo davvero fantastico! Buona fortuna a tutti voi, spero di rivedervi in futuro. Drake”

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.