Sarà Agostino Origlio il vice Di Carlo?

    Sarà Agostino Origlio il vice Di Carlo?

    Potrebbe essere un gradito cavallo di ritorno il nuovo assistente della Betaland Capo d’Orlando. Infatti è ancora libero sul mercato degli allenatori l’orlandino Agostino Origlio, 43 anni, cresciuto proprio nel club biancoazzurro prima come playmaker e poi come spalla di Papini, Trullo e Gramenzi dal 1999 in avanti tra B2 e B1, con intermezzo a Oristano in C e di nuovo vice di Gramenzi a Veroli e Ferentino oltre che di Perdichizzi a Brindisi. La fresca esperienza biennale a Valmontone, condotta prima alla salvezza e poi ai play-off di serie B, si è appena chiusa e Ago Origlio potrebbe anche prendere in considerazione l’ipotesi di ripartire da Capo come vice Di Carlo e poi magari sostituirlo quando, nel 2019, scadrà il contratto con il tecnico casertano. “Parliamo tutti i giorni”, risponde alla nostra domanda chissà se scherzando o meno mentre si gode i primi giorni di vacanza nella sua Capo d’Orlando. Intanto l’attuale numero uno della panchina paladina è reduce da un appuntamento prestigioso. Infatti Di Carlo è stato tra i protagonisti del Clinic Internazionale per Allenatori “Giovanni Papini”, organizzato dal CNA e in programma proprio questo fine settimana al PalaDozza di Bologna. Un Clinic di altissimo livello, al quale hanno partecipato anche Stefano Sacripanti (coach S.S.Felice Scandone Avellino 1948), Lele Molin, Andrea Trinchieri (coach Brose Bamberg) e Matteo Panichi (preparatore fisico della Nazionale A Maschile e Femminile). trinchieri e di carloAl PalaDozza presenti anche i partecipanti al Corso per Allenatore Nazionale che inizierà domani a Bormio.
    Infine ecco il discorso di commiato di Tommaso Laquintana, che giorno 7 festeggerà il 22° compleanno da playmaker di riserva di Pistoia. “Si chiude un capitolo molto importante della mia vita – spiega sul suo profilo fb -. A Capo ho vissuto tre anni splendidi e pieni di emozioni. Arrivato bambino sono stato accolto da tutti con amore ed affetto. Adesso lascio questa terra con una consapevolezza in più e soprattutto con una maturità figlia degli insegnamenti avuti da tutto lo staff, dirigenti, amici e tifosi che porterò sempre nel cuore. Grazie alla famiglia Sindoni che mi ha permesso di crescere in un ambiente sano, dove la pallacanestro è passione e non un mezzo. Grazie ai tifosi che mi hanno sempre sostenuto nei momenti belli e quelli meno belli. Porteró nel cuore tutti voi”. tommy

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.