Brolo: partita la differenziata porta a porta tra entusiami e lamentele

    Brolo: partita la differenziata porta a porta tra entusiami e lamentele

    E’ partita sabato 1 luglio la raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Brolo. I vecchi cassonetti, pertanto, verranno gradualmente ridotti e rimossi.
    A due giorni dall’avvio del servizio, però, sembra che nel comune brolese siano diverse le lamentele legate alla nuova modalità di raccolta, pertanto il primo cittadino Irene Ricciardello, entusiasta dell’avvio del servizio ha affidato a Facebook una nota indirizzata ai cittadini.
    “La raccolta differenziata porterà un risparmio per le nostre casse, soprattutto per ciò che riguarda i costi di conferimento in discarica… sapete che da una media di circa 9000 kg di rifiuti al giorno, siamo passati, ieri, a raccoglierne circa 2000kg? – scrive Irene Ricciardello – A chi si lamenta che la differenziata non doveva iniziare il primo luglio rispondo dicendo “avete ragione, sarebbe dovuta iniziare prima!”. Abbiamo scelto di iniziare il prima possibile, nel rispetto del decoro del nostro paese, dell’ambiente, delle norme e anche delle casse comunali!”.
    “Ai cittadini di altri comuni che additano i brolesi quali unici responsabili dei loro cassonetti stracolmi dico che anche i cassonetti di Brolo, soprattutto quelli ubicati nelle zone “di passaggio” (zona campo sportivo, via Ferrara, Parrazzà, zona S.Anna…) erano diventati, purtroppo, da tempo la “discarica” di alcune persone residenti nei comuni limitrofi che avevano già iniziato la differenziata. Probabilmente, forse, a Gliaca oggi scaricherà qualche brolese, ma, forse, scaricheranno anche tutti quei forestieri che, abitualmente, purtroppo, prima scaricavano a Brolo.
    Sono certa che l’amico Maurizio Ruggeri provvederà ad intensificare la sorveglianza sul rispetto delle norme per il conferimento dei rifiuti. E, in un clima di assoluta collaborazione tra comuni limitrofi, siamo a disposizione per qualunque supporto o sostegno”.

    Condividi: