Calcio, Palmeri lascia un Rocca destinato alla Promozione

    Calcio, Palmeri lascia un Rocca destinato alla Promozione

    E’ l’estate zero per il calcio a Caprileone con il Città di Rocca vicino alla scomparsa dopo sole tre stagioni e la prima società che quasi certamente ripartirà dalla Promozione. Nel frattempo arriva la separazione con il tecnico Francesco Palmeri. Dopo un anno di lavoro, al momento, non ci sono i presupposti per continuare quanto fatto la scorsa stagione, culminata con la permanenza della squadra nel campionato di Eccellenza, per cui la decisione si è resa necessaria. La perdurante situazione di incertezza ha portato alla scelta, condivisa, di separarsi per dare possibilità alle parti di decidere, liberamente, il proprio destino nel prossimo campionato. La dirigenza e Mr. Palmeri, nonostante la reciproca volontà di continuare, hanno preso atto del clima ancora incerto, sulla base del quale, una stretta di mano ha sancito il cordiale arrivederci. “E’ stato un anno in cui abbiamo raggiunto l’obiettivo della salvezza – dice Francesco Palmeri – l’immediato futuro, all’interno di un programma triennale, avrebbe dovuto prevedere il consolidamento della categoria . La società sta lavorando ma coscienziosamente, non mi ha fatto false promesse, per cui con dispiacere siamo ai titoli di coda di una esperienza che rimane molto positiva. Auguro ai dirigenti di risolvere al più presto le grane del momento e di fare una buona stagione a prescindere dal campionato. Ringrazio il Rocca di Caprileone per avermi scelto e i tifosi per il sostegno ricevuto, soprattutto, nelle fasi complicate della scorsa stagione”.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.