Calcio: l’accoppiata Marletta-Pidatella alla corte del Milazzo

    Calcio: l’accoppiata Marletta-Pidatella alla corte del Milazzo

    Tra Pasquale Ferrara, Santino Bellinvia e Danilo Rufini il Milazzo 1937 a breve tirerà fuori dal cilindro Orazio Pidatella, allenatore bravo ed esperto che ultimamente viaggia a braccetto con la dott.ssa Simona Marletta, cui la società rossoblù ha appena affidato l’incarico di direttore generale del club per la stagione sportiva 2017/18. Marletta ha – nella scorsa stagione – rivestito la stessa carica nel Pedara San Pio X e nell’Acireale nei mesi precedenti, dopo una stagione al Siracusa coincisa con la scalata degli azzurri dalla Serie D alla Lega Pro ed una più lunga esperienza nei quadri dirigenziali del Catania Calcio. “Sono onorata dell’opportunità che mi è stata concessa – ha detto il d.g. Marletta -. Milazzo merita tanto: è una città in cui credo si possa fare molto. Da oggi siamo al lavoro proprio perché nulla venga lasciato al caso”. Nella prossima settimana sarà indetta dalla società una conferenza stampa in cui saranno presentati il direttore Marletta ed il nuovo staff tecnico. I dirigenti rossoblù coglieranno tra l’altro l’occasione per esporre ad organi di stampa e tifosi le linee guida del proprio, rinnovato, progetto con Simona Marletta. Per quanto riguarda l’allenatore, come detto, l’arrivo del nuovo dg ha fatto impennare le quotazione di mister Orazio Pidatella, già l’anno scorso al fianco della Marletta nella positiva avventura al Pedara San Pio X e che sarà con molte probabilità il tecnico del prossimo Milazzo, che solo per il blasone parte ovviamente tra i favoriti del torneo di Eccellenza. Se son rose…pidatella

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.