Chiuso anche il 13° stage a Trabia per il CT Brolo

    Chiuso anche il 13° stage a Trabia per il CT Brolo

    Con la cerimonia di chiusura è giunta al termine la strepitosa settimana al Centro FIT di Trabia per alcuni allievi del Circolo Tennis Brolo. Sette giorni che hanno relagato tante emozioni come capita ormai da 13 anni. “Emozioni condivise con i miei splendidi allievi del Circolo Tennis Brolo che mi fanno divertire, tanto da sentirmi uno di loro – commenta il maestro Carmelo Arasi -. Esperienze professionali e di vita a contatto con i migliori colleghi Tecnici ed Allievi Maestri, che oltre ad arricchirti, ti danno una carica speciale per continuare a dare sempre di più in questo meraviglioso gioco-lavoro che per me è il Tennis. Stanco, ma soddisfatto e felice, per aver contribuito a far provare ai ragazzi esperienze indimenticabili che rimarranno per sempre in questi piccoli campioni di simpatia, che sognano anche di poter diventare tennisti. Un sentito grazie a tutti gli amici genitori, che da sempre mi danno fiducia affidandomi i loro preziosi “gioielli”. E grazie anche a Federica Di Bennardo ,ex mia allieva che da sempre ha frequentato i Centri Estivi, Istruttrice di Tennis, ed oggi al Centro Fit di Trabia dove è stata un valido supporto. E ringrazio la Dott.ssa Piera Vitale, Mental Coach qualificata FIT facente parte dello Staff Arasi Tennis Team, che ha accompagnato a Trabia le Nostre “Agoniste” affezionate dei Centri Estivi, Giusi Fioravanti , Maria Chiara Ramazzotto Ballato e Francesca Guglielmo, che mai e poi mai volevano perdersi una giornata al Centro FIT, facendoci una splendida sorpresa. Adesso un pò di relax, ma da lunedì si ricomincia perché il Tennis non si ferma mai”.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.