Giuseppe Lombardo alla guida di un Rocca da corsa

    Giuseppe Lombardo alla guida di un Rocca da corsa

    Sarà Giuseppe Lombardo il nuovo tecnico dell’USD Rocca di Capri Leone per la stagione 2017/18, quella della probabile auto retrocessione del club dall’Eccellenza conquistata e difesa sul campo alla Prima categoria cui è costretto per questioni economiche. In ogni caso un gradito ritorno per l’allenatore originario di Tortorici, ciclista per passione, che ha già ricoperto il ruolo di tecnico biancoazzurro nel campionato di Promozione 2007-2008. La sua esperienza nel Rocca, successivamente, è proseguita da secondo di Salvatore Bongiovanni nel torneo di Eccellenza 2013-2014. In quell’anno Mr. Lombardo ricopriva anche il ruolo di tecnico della juniores, che ha raggiunto una storica finale regionale. Poi è stato sulle panchine di Fitalese e Torrenovese. Cresciuto calcisticamente a Capo d’Orlando, è stato soprattutto una bandiera del Tortorici, da atleta e poi da allenatore. Una squadra di giocatori locali che ha raggiunto l’Eccellenza partendo dalla seconda categoria. Da qui le migliori premesse per fare bene con l’USD Rocca di Capri Leone nel prossimo anno. Sono stato felicissimo – dice Mr. Peppe Lombardo – di essere stato contattato dai dirigenti del Rocca. Per me è stato facile accettare subito l’incarico di allenatore. Mi hanno accennato idee e programmi futuri, ma è il rapporto, che mi lega a questa società, a spingermi con entusiasmo ad accettare il ruolo, a prescindere dalla categoria da disputare. Tra qualche settimana avremo la risposta della Lega Sicula dilettanti, da li potremmo insieme definire il programma della prossima stagione. La squadra sarà allestita principalmente da calciatori locali. Molti di loro sono stati già sotto la mia guida tecnica”.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.