Costa d’Orlando: Sorrentino primo regalo per la serie B

    Costa d’Orlando: Sorrentino primo regalo per la serie B

    Capo d’Orlando – Primo colpo di mercato per l’Irritec Costa d’Orlando del presidente Mauro Giuffrè, che ha messo sotto contratto per la prossima stagione sportiva il cestista Andrea Sorrentino. Classe 1990, guardia di 190 cm per 84 kg, Sorrentino è un attaccante completo con punti nelle mani. Pulito ed efficace in uscita dai blocchi, abile nell’uno contro uno e dotato di un ottimo range di tiro, l’ex Aretusa vanta anche trascorsi in Serie B con le canotte di Ferrara e della Virtus Ragusa. Reduce da un anno travagliato a causa di problemi fisici che ne hanno limitato l’impatto in biancoverde, l’atleta ragusano ha grande voglia di riscatto ed è pronto a dare il massimo in questa nuova avventura con i paladini. «Ho scelto la Costa d’Orlando per svariati motivi. Da avversario ho sempre notato la serietà, l’organizzazione del club e l’ambiente che circonda la squadra – dichiara la nuova guardia biancorossa -. Quello che è stato fatto in così pochi anni è sintomo di grande forza societaria. La Serie B non è un torneo semplice, anche se ho lasciato questo campionato con una promozione a Ferrara nella stagione 2011/2012. Mi aspetto un’annata faticosa ma positiva, che faccia divertire il nostro pubblico e che ci regali delle soddisfazioni. Non ho obiettivi dal punto di vista personale, credo che il bene della squadra venga sempre prima rispetto al bene del singolo. Vengo da una stagione complicata per via di un infortunio – conclude Sorrentino -, ciò che più mi interessa è tornare in campo, divertirmi e vincere più partite possibili con la maglia della Costa».

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.