Colpo di mercato del Sinagra che annuncia Andrea Zingales

    Colpo di mercato del Sinagra che annuncia Andrea Zingales

    A sorpresa il Sinagra Calcio piazza il colpo Andrea Zingales, uno dei veri e pochi attaccanti rimasti ancora nel panorama calcistico messinese. Andrea (classe 1987) esordisce in Promozione nel Rocca, paese di cui è originario. Qui, ancora giovanissimo, si mette subito in mostra, tanto di meritarsi la possibilità di giocare negli anni successivi nella Tiger Brolo e in Eccellenza nel Due Torri. Poi il ritorno a Rocca, dove sarà un artefice della promozione in Eccellenza e vi rimarrà anche nello sfortunato anno della retrocessione. L’anno dopo una piccola parentesi alla Mamertina, ma fino a dicembre, quando sarà richiamato a Rocca per contribuire nuovamente alla seconda scalata fino all’Eccellenza. Si afferma quindi capocannoniere del campionato e primo e unico ragazzo del suo paese a raggiungere per due volte una promozione in Eccellenza. L’anno dopo decide di cambiare aria e accetterà di giocare nella Santangiolese, dove però non riuscirà ad incidere più di tanto per problemi di pubalgia. Lo scorso anno invece un’ottima annata alla Futura Brolo, dove si affermerà con 17 reti primo marcatore della provincia di Messina e garantirà alla sua squadra una salvezza tranquilla. Queste le sue parole: “Sono molto contento di poter vestire la maglia giallorossa, qui mi troverò in una famiglia. Non è facile trovare un ambiente dove ogni sabato si vedono al campo più di 200 tifosi che incitano la squadra. Spero solo di stare bene fisicamente e di poter dare il massimo dalla prima all’ultima partita, in modo da lasciare il segno. Un ringraziamento a chi mi ha voluto fortemente, da Giovanni Gaudio ad Antonio Sardo Infirri”. Di contro la società giallorossa ha interrotto il rapporto sportivo con Andrea Mantegna, che si accaserà altrove, e Tonino Leone.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.