I Sindaci dei Nebrodi: “Non siamo razzisti”

    I Sindaci dei Nebrodi: “Non siamo razzisti”

    Non siamo razzisti”. I sindaci dei Nebrodi riuniti a Csatell’Umberto, respingono l’etichetta affibbiata dopo la protesta del sindaco di Castell’Umberto che ha impedito l’accesso all’Hotel il Canguro a 50 immigrati inviati dalla Prefettura di Messina e dopo la solidarietà espressa dalla Lega Nord e da Forza Nuova.”All’unanimità, i 40 sindaci dei Nebrodi hanno detto si all’accoglienza – scrive il primo cittadino di Torrenova Salvatore Castrovinci – Ma accoglienza seria, responsabile e, soprattutto, concordata con le prefetture e nel rispetto del rapporto 2,5 immigrati per 1000 abitanti. Il tutto in strutture dove si possa garantire la dignità ai migranti e la sicurezza dei cittadini”. “Siamo siciliani- ha detto Castrovinci-popolo dell’accoglienza non del razzismo! E, di fronte alla gravità e alla criticità di un sistema ormai divenuto insostenibile, farci passare per razzisti, speculando sulle dichiarazioni fatte da Salvini, ci appare adesso davvero troppo riduttivo, inaccettabile e semplicistico”.

    Condividi: