Tusa: attivata una nuova sorgente, ma l’acqua non è potabile

    Tusa: attivata una nuova sorgente, ma l’acqua non è potabile

    Lo scorso 8 agosto con ordinanza sindacale il primocittadino di Tusa, Angelo Tudisca, aveva disposto la perforazione verticale per la ricerca idrica in contrada Folia. La ricerca è andata a buon fine e l’acqua è stata immessa nlla condotta che approvvigiona il paese, consentendo il superamento del disagio dovuto alla crisi idrica. Tuttavia, l’acqua per precauzione l’acqua è stata definita non potabile, per tanto il primo cittadino ha disposto una nuova ordinanza che impedisce l’utilizzo della stessa per il consumo umano.

    Condividi: