Anche l’amministrazione comunale di Messina invita Sciotto a non dimettersi

    Anche l’amministrazione comunale di Messina invita Sciotto a non dimettersi

    Situazione ancora caotica in casa Acr Messina dove l’unica certezza sembra essere quella che la stagione dell’addio alla Legapro e la ripartenza dalla serie D non possa più offrire un campionato di Quarta serie di vertice. Già dopo sei giornate e due miseri punti conquistati per i giallorossi è il momento di pensare solo alla salvezza e solo dopo averla ottenuta, nel caso, sognare qualcosa in più. Prima di ogni cosa, però, va risolta la questione societaria proprio nella settimana che sembrava preludere all’esonero del tecnico Antonio Venuto che eventualmente pagherebbe per tutti i cattivi risultati. Al momento la questione sul tappeto sono le dimissioni del presidente Pietro Sciotto all’indomani del ko interno con l’Acireale. A provare a far recedere il patron anche il sindaco Renato Accorinti e l’assessore allo Sport Sebastiano Pino. “Pur comprendendo l’amarezza e la delusione per i risultati negativi delle prime giornate – dichiarano -, lo invitiamo a ripensarci e a fare un passo indietro. Certamente le sue dichiarazioni sono state dettate soprattutto dall’emotività del momento e da un avvio stagionale in salita, che lo stesso presidente Sciotto non avrebbe mai immaginato. Del resto il suo è un progetto a lungo termine e un passaggio a vuoto nella parte iniziale appare comprensibile; allo stesso modo bisogna giustificare i tifosi giallorossi, stanchi e smarriti, dopo che in estate hanno dovuto digerire, loro malgrado, il terzo fallimento calcistico negli ultimi ventiquattro anni. Quando abbiamo rivolto alle forze imprenditoriali cittadine l’invito a ripartire dalla serie D, Sciotto ha dimostrato subito di essere una persona seria, che ama la nostra città e possiede una vera passione calcistica. Lo abbiamo apprezzato, perché convinti dal progetto, privilegiandolo per un futuro di rinascita e di successi del Messina. Un inizio di campionato al di sotto delle attese non può assolutamente pregiudicare un programma ambizioso a lungo termine. Bisogna anche considerare che il Messina, per le note vicende estive, oggi sconta il ritardo accumulato nella fase di costruzione della società e soprattutto della squadra. Per queste ragioni chiediamo al presidente Sciotto di rivedere la sua posizione; l’Amministrazione comunale, come sempre, per quanto possibile, continuerà a fare la propria parte”.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.