L’Orlandina basket perde la terza gara in 6 giorni ma esce a...

    L’Orlandina basket perde la terza gara in 6 giorni ma esce a testa alta dalla Turchia

    L’Orlandina basket targata SikeliArchivi oltre i confini italici sente aria d’Europa e fornisce una prestazione all’altezza cedendo solo di 5 lunghezze ai forti turchi del Gaziantep, città lontana 3000 km e posizionata vicino alla Siria dove è appena iniziata la storica avventura nella fase a gironi della Champions League della regina di Sicilia ogni tempo. Insomma i segnali che arrivano dopo le due magre in serie A sono per fortuna positivi anche se restano i dubbi sulla tenuta fisica di capitan Delas e sulla capacità del playmaker turco-tedesco Atsur. Buone le prove del giovane Ihring, confortante quella di Inglis, eccellenti quelle di Edwards e del giovane Kulboka, miglior rimbalzista con 13 palloni ed autore di alcuni canestri importanti. L’atmosfera di Coppa stimola i paladini che partono subito 4-0 e poi restano sempre in scia dei locali anche se i turchi volano sul più 15 nel secondo periodo. Un mini-break positivo di 7-0 per i paladini rimettono in gioco i biancoazzurri anche se al 30′ il punteggio è di 66-54 in favore dei padroni di casa del Gaziantep con 17 i punti di Edwards e 9 per Inglis. Prima Lyons e poi, soprattutto, Balazic, trascinano i turchi ma Kulboka riporta sotto sul meno 2 al 38′ la SikeliArchivi, bruciata in chiusura ma uscita a testa alta dal parquet. Domenica alle 18.15 a Capo d’Orlando arriva Milano per la terza di campionato e martedi altra trasferta di Champions in Francia a Chalon (battuta 75-73 in Lituania dal Neptunas Klaipeda) dalle 20.30 per altri due esami da dove devono uscire i primi punti per capire se il percorso intrapreso è quello giusto o bisogna apportare le dovute correzioni tornando ed in fretta sul mercato.
    GAZIANTEP 82 SIKELIARCHIVI CAPO 77
    GAZIANTEP: Armand 15, Rudd 7, White, Haciyeva, Kar ne, Lyons 18, Williams 7, Balazic 23, Eryuz ne, Hepgur ne, Ogut 6, Cinko 6. Coach Dedas.
    SIKELIARCHIVI: Alibegovic, Ihring 9, Atsur 8, Inglis 13, Kulboka 12, Laganà ne, Strautins 5, Delas 4, Edwards 18, Zanatta ne, Wojciechowski 5, Ikovlev 3. Coach Di Carlo.
    ARBITRI: Glisic (Serbia), Velikov (Bulgaria) e Cici (Albania).
    NOTE: 18-16, 40-32 (22-16), 66-54 (26-22), 82-77 (16-23).

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.