Mirto, Palazzo Cupane e il Museo della Moda e del Costume inseriti...

    Mirto, Palazzo Cupane e il Museo della Moda e del Costume inseriti in “Bellezza Italia”

    Il Palazzo Cupane e il Museo della Moda e del Costume Siciliano di Mirto sono stati inseriti – con un finanziamento di 590 mila euro – tra i 12 interventi previsti in Sicilia dal progetto curato dal Governo Nazionale “Bellezza – Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati”. “Si tratta di una straordinaria notizia che premia il lavoro svolto dall’amministrazione comunale e in particolare dall’ufficio tecnico, diretto da Giuseppe Nastasi, dalla direzione del Museo, affidata a Giuseppe Miraudo”, afferma il sindaco di Mirto Maurizio Zingales. “L’importanza”, prosegue il primo cittadino, “sta nel fatto che oltre ad interventi strutturali sull’edificio, verranno soprattutto creati ambienti e condizioni a salvaguardia degli abiti, legati al controllo dell’umidità, delle luci e degli spazi espositivi migliorandone soprattutto la fruizione”. Palazzo Cupane, con il suo Museo del Costume e della Moda siciliana rappresenta patrimonio dell’intero territorio dei Nebrodi, perchè un Unicum per la Sicilia e per tutto il Meridione Italiano e quindi una corretta conservazione dei beni esposti nel museo è molto importante. Per questo l’intervento è stato concepito per permettere di garantire condizioni ambientali tali da limitare i processi di degrado attraverso la conoscenza e il monitoraggio dei parametri ambientali, che caratterizzano gli ambienti di esposizione. Tutto ciò a salvaguardia degli abiti stessi, alcuni risalenti al 17° secolo e sotto tutela della Soprintendenza di Messina. Un progetto all’avanguardia a cui hanno dato un grosso contributo i componenti del Comitato Tecnico Scientifico del Museo, istituito con il nuovo regolamento del Museo approvato nei mesi scorsi dal Consiglio Comunale e dai dirigenti della Soprintendenza e della Città Metropolitana di Messina.

    Condividi:
    giuseppe.spignola (at) anni60news.com Giuseppe Spignola, giornalista, autore, speaker e conduttore radio/tv. Sono da sempre un grande appassionato di musica, media, giornalismo e comunicazione. Già dalla giovane età (sono nato nel luglio del 1975), ho cominciato a frequentare il mondo della radio e dei media in generale, seguendone costantemente l’evoluzione tecnologica, aggiornandomi e facendo diventare la mia passione un vero e proprio lavoro che svolgo da professionista ormai da oltre vent’anni di cui quasi dieci in forza al gruppo Radio Italia con esperienze di lavoro anche in ambito nazionale presso la sede centrale di Milano del Gruppo. Dal 2010 organico di Radio Italia Anni 60 (Eventi Srl); dal 2012 iscritto all’Albo Nazionale dei Giornalisti nell’elenco Pubblicisti, sono redattore di anni60news.com, collaboro con il Giornale di Sicilia e con alcune emittenti televisive. Nella mia attività, organizzo e presento eventi di informazione, intrattenimento e varietà; il mio primo amore però è la radio dove curo e conduco ogni giorno il programma Anni 60 Magazine che si occupa anche di rubriche e interviste che faccio a vari personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura, della politica e della società. Sono un cultore della musica e dello stile di vita degli anni 80; amo i motori: in particolare la Vespa e le auto. Nel tempo libero viaggio, ascolto, osservo, scrivo, leggo.