Panarea, elicottero militare soccorre una donna in pericolo di vita

    Panarea, elicottero militare soccorre una donna in pericolo di vita

    Una donna in imminente pericolo di vita trasportata nella notte con un elicottero dell’Aeronautica militare dall’isola di Panarea a Messina. A causa delle critiche condizioni meteorologiche e del forte mare in burrasca, l’elicottero militare è risultato l’unico assetto in grado di effettuare il trasporto d’urgenza in sicurezza.
    Nel cuore della notte, su richiesta della Prefettura di Messina, è decollato dall’aeroporto Trapani un elicottero HH-139 dell’82° Centro SAR per prelevare sull’isola di Panarea una donna di 79 anni in imminente pericolo di vita e bisognosa di urgenti cure specialistiche. L’elicottero militare, giunto sull’isola di Panarea, ha caricato la donna a bordo per poi dirigersi presso il Policlinico di Messina, dove la paziente è stata affidata al personale sanitario della struttura ospedaliera
    Le particolari condizioni meteorologiche ed il volo notturno hanno reso le operazioni di recupero particolarmente complesse. Il livello addestrativo degli equipaggi, le caratteristiche delle macchine in dotazione nonché l’impiego di apparecchiature e tecniche speciali, quali l’utilizzo di visori notturni, fanno spesso, come in questo caso, dell’Aeronautica Militare l’unica componente in grado di gestire con successo le situazioni di emergenza più difficoltose grazie proprio alla peculiare capacità d’impiego di giorno, di notte e in condizioni meteo marginali.
    L’82° Centro CSAR di Trapani è uno dei Centri del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare che garantisce 24 ore su 24, per 365 giorni all’anno, la ricerca ed il soccorso degli equipaggi di volo in difficoltà e che concorre ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi. Dalla sua costituzione ad oggi, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato circa 7.300 persone in pericolo di vita.

    Condividi: