La Nuova Agatirno Capo d’Orlando parte bene a Catania

    La Nuova Agatirno Capo d’Orlando parte bene a Catania

    L’anno nuovo inizia con una vittoria per la ASD Nuova Agatirno Capo d’Orlando che sbanca Catania raccogliendo due punti importanti nella prima trasferta del 2018 della C Silver. Al PalaCus una partita a lungo condotta nel punteggio ma, come nelle attese, molto insidiosa fino alla fine. Equilibrio nel primo quarto, che i padroni di casa chiudono in vantaggio con un parziale di 8-2 per il +1 alla prima sirena, nella seconda frazione gli orlandini producono la loro miglior pallacanestro offensiva, ispirati da Matteo Laganà (17 punti all’intervallo), trovando bene i tiratori e aprendo il campo contro la difesa del Cus. Arriva così il +14 di metà partita con un parziale di 7-0 con 5 punti consecutivi di Laganà e il pick and roll tra Antonio Fazio e Christopher Jr Egwoh, presente nonostante i fastidi al ginocchio. Al rientro dagli spogliatoi, pero’, l’approccio non è dei migliori e il Cus ne approfitta non solo per ridurre le distanze, ma anche per andare sul +2 con un parziale di 12-2 (57-55) prima che un’altra tripla di Laganà consenta agli ospiti di chiudere il terzo quarto in vantaggio. La gara sembra prendere una piega più comoda per l’Agatirno anche grazie alla crescita di Andrea Donda sotto canestro (anche 12 rimbalzi), allo spirito combattivo di ragazzi come Ottavio Triolo e Rosario Giacoponelloo e al buon impatto sui due lati del campo del debuttante cavallo di ritorno Tomas Caula (sua la tripla del nuovo +11 sul 72-61). L’Agatirno, pero’, non ha la lucidità necessaria per chiuderla definitivamente, arrivando così a giocarsela solo nell’ultimo minuto. I tiri liberi di Galipò a 4 secondi dalla fine fissano il punteggio sul +7 finale, congelando il risultato e la vittoria. I ragazzi tornano in campo gia’ stasera: al PalaSikeliArchivi di Capo d’Orlando, ore 21, la Nuova Agatirno ospita la Or.Sa. Barcellona nella terza giornata di ritorno del campionato di Serie C Silver. Il commento di coach Matteo Angori: “Sapevamo che sarebbe stata una partita complicata e così e stato. Ci abbiamo messo molto del nostro per renderci la vita difficile, ma credo che nel momento di maggiore difficoltà siamo stati bravi e lucidi per portare a casa la vittoria. Credo che, a tratti, abbiamo fatto vedere belle cose soprattutto in attacco, in difesa dobbiamo recuperare lo smalto del periodo prenatalizio, eravamo comunque consapevoli che la prima partita dopo la sosta sarebbe stata complessa dal punto di vista del ritmo. Sono molto contento di Andrea Donda, che sta migliorando tanto: gli avevo chiesto determinate cose a livello offensivo e le ha proposte con continuità, si vede che sta lavorando tanto e sta cominciando ad avere un impatto importante in questo campionato. Domani recuperiamo le energie, venerdì contro Barcellona sarà una partita cruciale per continuare a sognare e ad alzare l’asticella per provare a fare qualcosa in più rispetto alla salvezza”.
    CUS Catania – Nuova Agatirno 76-83 (17-16; 31-45; 57-60)
    CUS Catania: Lo Faro 29, Monastra, Arcidiacono, Vasta 3, Cuccia 5, Fichera, Bonaccorsi 4, Alescio 19, Chisari 3, Corselli, Baldelli 3, Mazzoleni 10. All. Russo
    Nuova Agatirno: Caula 7, Ravì, Gia. Galipò, Laganà 21, Ioppolo, Giacoponello 4, Egwoh 6, Gio. Galipò 9, Triolo 6, Fazio 9, Carlo Stella 4, Donda 17. All. Angori

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.