Leyla, la musulmana che dipinge presepi

    Leyla, la musulmana che dipinge presepi

    Si chiama Leyla la ragazza iraniana richiedente asilo e ospite dello Sprar di Capo d’Orlando che è stata protagonista della mostra dei presepi allestita nella Chiesa di Porto Salvo. Domenica prossima, Leyla, che in Iran era farmacista ed è arrivata in Italia con il marito ed il figlio, riceverà l’attestato di partecipazione. Un riconoscimento puramente simbolico, ma che acquista un valore particolare se si pensa che Leyla è musulmana e ha voluto realizzare dei quadri con lavori in legno che rappresentano la natività. Un modo concreto di evidenziare la voglia di inserimento sociale e culturale di questa ragazza 35enne, oltre al lavoro teso alla piena integrazione che sta alla base del progetto Sprar. E sono stati unanimi gli apprezzamenti rivolti ai quadri di Leyla dai numerosi visitatori e, da ultimo, anche dal Vescovo di Patti Mons. Giombanco che recentemente è stato proprio nella chiesa di Porto Salvo.
    I quadri di Leyla non sono frutto di un’occupazione personale ed estemporanea, ma sono espressione concreta delle attività svolte all’interno dello Sprar, come ad esempio il laboratorio interculturale, non fini a se stesse ma mirate all’inclusione e alla integrazione.

    Condividi:
    villa pacis
    villa pacis
    villa pacis