La Costa d’Orlando rialza la testa in attesa di Tabbi e festeggia...

    La Costa d’Orlando rialza la testa in attesa di Tabbi e festeggia Andrea Giuffrè

    Secondo successo consecutivo e primo sorriso del 2018 per l’Irritec Costa d’Orlando, che nella sedicesima giornata del girone D di Serie B Old Wild West ha superato per 73-62 la Stella Azzurra Roma, un successo da dedicare al neo papa’ Mauro Giuffrè visto che la compagna Stefania Latino, dirigente del club, ha appena partorito il primo genito Andrea. Tornando al basket giocato molto felice dell’esordio nel nuovo anno il tecnico dei paladini, coach Giuseppe Condello, che ha ringraziato i suoi ragazzi per la prestazione offerta nonostante qualche difficoltà fisica di troppo: «Questa è una vittoria fondamentale, contro una concorrente diretta per la salvezza – spiega il tecnico dei paladini -. È stato importante anche ribaltare la differenza canestri. Voglio ringraziare tutti i ragazzi per la partita disputata. Questo week-end è stato davvero un disastro tra acciacchi, febbre e problemi vari. Tabbi non ha potuto esordire per via dell’influenza, Munastra è stato eroico, giocando molto debilitato, Sorrentino si è fatto male ad una caviglia. Eppure abbiamo vinto grazie al grande sacrificio messo sul parquet. La svolta è arrivata nel secondo quarto, quando la nostra zona un po’ adattata ha messo in difficoltà il loro attacco. Abbiamo sofferto al rimbalzo, loro sono molto grossi ma noi dobbiamo avere più cattiveria sotto le plance. In ogni caso, andiamo avanti, partita per partita. Sabato ci aspetta una gara complicata contro la Tiber. Vogliamo fare bottino pieno per raggiungere la salvezza il prima possibile». E sabato sul neutro di Battipaglia i paladini sono pronti al bis contro la Tiber Roma. Jacopo Pozzi, veterano del gruppo nonché leading scorer biancorosso, commenta così questi primi mesi della sua Costa d’Orlando Basket: «Sono mediamente soddisfatto del nostro cammino – ammette l’ala -. Aver costruito una squadra giovane ha i suoi pro e i suoi contro. I contro sono che abbiamo 4 punti in meno di quello che mi aspettavo e che forse meritavamo. I pro sono che da quando abbiamo ricominciato ad allenarci con continuità ho visto tanti segnali positivi, abbiamo grandi margini di miglioramento, sono fiducioso. Lavorare con qualità in allenamento è fondamentale. Da poco prima di Natale abbiamo avuto di nuovo la possibilità di farlo e lentamente stiamo iniziando a raccogliere i frutti. Giocare a Battipaglia e non a Roma contro la Tiber annullerà il vantaggio del fattore campo. Sarà una partita difficile, contro una squadra di categoria. Hanno alcuni giocatori pericolosi, dobbiamo prepararci bene e avere un po’ di senso di urgenza, visto che non vinciamo in trasferta da tanto. Vincere questa partita potrebbe farci restare agganciati al treno play-off, modificando completamente le prospettive di un’intera stagione».

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.