Gioiosa Marea: le 100 candeline di Antonio Cafarelli

    Gioiosa Marea: le 100 candeline di Antonio Cafarelli

    Oggi la comunità di Gioiosa Marea festeggia i primi 100 anni del signor Antonio Cafarelli. Nato il 17 gennaio 1918 a
    Montagnareale, nella contrada Bonavita, ha avuto una vita avventurosa.
    A 20 anni, nel 1938, fu chiamato al fronte: durante la Grande Guerra ha combattuto in Grecia, Russia, dove è stato prigioniero dei tedeschi, e in Italia. Sopravvissuto all’eccidio di Cefalonia, tornò a casa nel 1945 nonostante la famiglia, non avendo più sue notizie, lo credesse caduto in guerra.
    Nel 1946 sposò la moglie Aurelia Ruggeri, mancata 4 anni fa dopo 67 anni di matrimonio, e si trasferì nella borgata San Francesco a Gioiosa Marea dove si dedicò alla cura della terra e al mestiere di rimondatore. Da questa unione sono nati i 4 figli Salvatore, Sarina che vive a Torino ed è tornata a Gioiosa per questa occasione, Melina e Antonietta, che hanno regalato a nonno Antonio 7 nipoti e 9 pronipoti.
    Il signor Antonio, che nonostante gli acciacchi dell’età si mantiene lucido e ricorda gli episodi della sua giovinezza, ha festeggiato questo importante traguardo circondato dall’affetto della sua famiglia e ricevendo gli auguri dei sindaci di Gioiosa Marea, Ignazio Spanó, e Montagnareale, Anna Sidoti.

    Condividi:
    villa pacis
    villa pacis
    villa pacis