Da Bagheria arriva un esempio da seguire per tutto il calcio

    Da Bagheria arriva un esempio da seguire per tutto il calcio

    Il gol di Serio su assist di Crisafulli ha regalato 3 punti di speranza play-off a L’Iniziativa San Piero Patti anche se la post season rischia di saltare nel girone B di Promozione se la seconda continua a marciare a questi ritmi. Ma del successo di Bagheria resterà soprattutto l’atmosfera che si è respirata in campo e fuori, roba da prendere ad esempio su ogni campo ed in tutte le categorie. Spiega il perchè la stessa società sampietrina in una sorta di lettera aperta indirizzata al club nerazzurro ma da diffondere ovunque. “Il Presidente della società L’Iniziativa San Piero Patti a nome di tutte le componenti – si legge nella nota di Ivan Pintabona -, intende ringraziare la società ASD Bagheria città delle ville per l’accoglienza ricevuta nella trasferta di domenica e rinnova il gemellaggio e l’ospitalità anche per le prossime stagioni. Società come la vostra sono d’esempio e stimolo per far sempre meglio. Il nostro calcio troppo spesso pone poca attenzione al rispetto dell’avversario ed identifica il risultato come unico obiettivo perseguibile, come se questo fosse incompatibile con il rispetto, l’educazione e la correttezza. Noi abbiamo vinto una bella partita sul campo, ma la vostra società ha dimostrato di essere vincente e vincitrice fuori, ci siamo sentiti ospiti graditi e rispettati, siamo stati vostri ospiti a pranzo come lo siete stati voi all’andata e ricevuto dei dolci per festeggiare a fine gara dalla società di Bagheria nonostante la sconfitta, Complimenti sinceri #Bagheria Città delle Ville, di sicuro non ci sono stati sconfitti!!! Ad Maiora”.!!!

    Condividi:
    villa pacis
    villa pacis
    villa pacis
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.