La Champions League è un esame per tutti i paladini?

    La Champions League è un esame per tutti i paladini?

    Martedi alle 18:00 (ora italiana) la SikeliArchivi Capo d’Orlando sarà ospite del BC Neptūnas Klaipėda sul parquet della Svyturio Arena, per la 12esima e terz’ultima giornata del girone B di Basketball Champions League, che raggiungerà in nottata via aeroporto di Bologna con scalo a Copenaghen dopo aver sostenuto un allenamento a Montecatini. La formazione lituana, due volte campione nazionale e con una partecipazione alla Euroleague nella stagione 2014-15, può vantare nel suo roster giocatori di primissimo piano, su tutti il veterano Renaldas Seibutis. A presentare la gara è l’head coach della SikeliArchivi, Gennaro Di Carlo: “In questo momento il nostro morale chiaramente non è alto, ma per me la cosa più importante è che i ragazzi si concentrino nel fare bene le cose in campo. L’ultima gara di Basketball Champions League in casa contro Tenerife è stata giocata con un bruttissimo atteggiamento, domani in Lituania affronteremo una delle squadre che giocano il miglior basket del nostro girone, con giocatori di altissimo livello. Quello che interessa a me è vedere una squadra che vuole dimostrare determinazione e voglia di fare le cose per bene nei momenti che contano. Abbiamo bisogno di dare continuità alla ripresa che ho iniziato a vedere contro Pistoia, anche se ancora non è sufficiente per tornare a vincere. Voglio che i ragazzi si concentrino su loro stessi, voglio assolutamente vedere un passo avanti. Con Pistoia abbiamo dimostrato di voler giocare la nostra partita, ma ancora non basta per vincere. Dobbiamo fare ancora tanta strada, sapendo che dobbiamo migliorare e fare meglio il lavoro in campo, dobbiamo macinare gioco e dimostrare carattere, sapendo che bisogna incrementare la durata di concentrazione e determinazione. Questa è la medicina migliore per uscire da situazioni come questa. Sappiamo che il Neptunas è squadra di grande mentalità, che gioca in un campionato durissimo come la lega lituana (sconfitta 83-75 dallo Zalgiris Kaunas nell’ultima gara di campionato). Toccherà a noi dimostrare capacità di migliorare continuamente, solo così potremo tornare a vincere e a sorridere, cosa che adesso facciamo un po’ meno”.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.