Pesce avariato dalla Puglia a Messina, scatta il sequestro

    Pesce avariato dalla Puglia a Messina, scatta il sequestro

    Una pattuglia della Polizia Stradale di Cosenza Nord, ha controllato un autocarro all’interno dell’area di servizio “Cosenza Ovest” poiché, pur trattandosi di un Fiat Ducato senza cella frigorifera, dallo stesso proveniva un forte odore di pesce.
    All’interno, infatti, vi erano 230 casse colme di “novellame” per più di 920 kg complessivi di prodotto, pari un valore medio stimabile in circa 15mila euro. L’autista, Z.A., messinese di 34 anni, con precedenti specifici, aveva caricato il pesce nella primissima mattinata a Foggia ed era destinato ai mercati ittici del messinese.
    Il tutto, privo di etichettatura di provenienza e di identificazione e trasportato in violazione delle norme relative all’igiene e conservazione degli alimenti, è stato sequestrato dagli operatori, di concerto col servizio veterinario della locale ASL, ed è stata emessa una sanzione al conducente del furgone.
    Il carico è stato inviato alla Capitaneria di Porto di Cetraro per la prevista eliminazione. Sono in corso ulteriori accertamenti a carico del proprietario del veicolo.

    Condividi:
    villa pacis
    villa pacis
    villa pacis