Jefferson ed il sogno Iannuzzi per una Betaland che perde Delas, Ikovlev, Ihring e forse Alibegovic

    7

    Due uscite certe, una terza molto probabile ed una quarta possibile cui faranno da contraltare due innesti di peso sotto i tabelloni per una Betaland che dal 4 marzo a Torino si presenterà con la maschera del guerriero per difendere a spada tratta il patrimonio della serie A. Comunque vada, dunque, sarà rivoluzione in casa paladina con un roster snellito formato da elementi che nelle ultime 11 giornate siano disposti a dare anche più di quello che hanno per centrare la settima salvezza del club. Partendo dal fronte arrivi la questione economica fa pensare che possa essere scartata definitivamente l’ipotesi del ritorno di Antonio Iannuzzi, pare messo fuori rosa per motivi disciplinari a Torino dove con i due recenti ingaggi di lunghi è stato relegato ai margini con scarso minutaggio pur avendo un contratto con il club piemontese fino al giuygno 2019 con opzione per l’anno seguente ed a cifre elevate. Proprio per questo l’Orlandina, che riaccoglierebbe con piacere il lungo avellinese, aspetta alla finestra sperando che la voglia di giocare di Iannuzzi faccia il resto anche se per lo stesso motivo economico Brescia si sarebbe defilata. La Betaland cerca anche un centro verticale da accoppiare a Eric Maynor, che, pur out per la brutta distorsione alla caviglia che forse lo farà rientrare a Pesaro l’11 marzo, sarà il perno della squadra di Gennaro Di Carlo a partire dal coinvolgimento nella scelta di un lungo atletico a lui complementare in attacco e destinato proteggerlo in difesa. L’identikit corrisponde a quello di Johndre Jefferson che ha diviso metà stagione nel 2015 a Varese e che Maynor consiglia anche sul piano umano anche se c’è da valutare la recente inattività agonistica. La precedenza nella scelta dei due stranieri in entrata sarà data al lungo extracomunitario, poi si penserà al sostituto di Dennis Ikovlev pescando un’ala forte europea anche spendendo un visto (la Betaland ne ha ancora 3 a disposizione). Sul fronte partenze non è esclusa quella di Mirza Alibegovic non contento del recente minutaggio avuto mentre ha estimatori Jakub Wojciekowski, nel mirino di Brindisi che sembra stia pensando anche a Mario Ihring, appetito pure dalla Fortitudo Bologna. Infine rescisso consensualmente l’accordo in essere con il capitano Mario Delas (dalla ripresa degli allenamenti prevista per lunedi 19 la fascia passerà di diritto a Stojanovic), che ha firmato con Varese. Giuseppe Sindoni (Direttore Sportivo Orlandina Basket): “Dal punto di vista umano queste sono decisioni che non si vorrebbero mai prendere. Mario ha dimostrato il suo attaccamento alla maglia e le sue grandi doti morali in questo anno e mezzo di permanenza, per lo più contrassegnato da momenti positivi. Credo che sia una decisione positiva per tutti: noi proveremo ad avere un volto diverso alla ripresa delle attività, a Mario auguriamo di trovare una collocazione che gli consentirà di giocare con maggiore serenità a pallacanestro ed esprimere le sue qualità”.