Sporting S.Agata vincente, Torrenova ko, Agatirno da urlo

    Sporting S.Agata vincente, Torrenova ko, Agatirno da urlo

    Nella serie D regionale vittoria strepitosa dell’incerottato Sporting S.Agata a Marsala in una partita sofferta ed anche sfortunata. 43-62 il risultato dopo 40 sofferti minuti di gioco dove coach Massimiliano Fiasconaro è riuscito a spingere i ragazzi oltre i propri limiti. Per i santagatesi si tratta probabilmente del successo play-off con la seconda posizione blindata anche perchè in contemporanea è arrivata la battuta d’arresto esterna per la Confezioni Corpina Torrenova, che al PalaMangano di Palermo viene battuta 93-73 dalla GM Basket Academy Palermo, formazione adesso quinta in classifica ed in piena bagarre play-off. Ai ragazzi di coach Bacilleri, privi ancora degli infortunati Stuppia e Scarlata, non sono bastati i 25 punti di Dragunas, i 17 di Arto, i 14 di Albana e gli 11 di Busco.
    GM Basket Academy Palermo – Confezioni Corpina Torrenova 93-73 (26-16, 43-28, 71-45)
    GM Basket Academy Palermo: Lupo 3, Guastella 10, Vitale 5, Scarpulla, Surce 6, Mazza 5, Forzano 22, Bellanca, Giallombardo, Cerasola 16, Musmeci 11, Muratore 15. Coach: Arnone
    Confezioni Corpina Torrenova: Albana 14, Micale 2, Dragunas 25, Pizzuto 3, Arto 17, Busco 11, Scarmatto 6, Filippino, Spirito, Galipò S. Coach: Bacilleri
    Ancora un’impresa in trasferta per la Nuova Agatirno nella serie C Silver dove si conferma in grandissima forma, centrando una vittoria straordinaria in casa degli Eagles Palermo, imbattuti da ben dieci giornate, proprio dalla gara di andata contro i paladini. Un successo di spessore per il quintetto orlandino, a due giornate dalla fine della regular season, che lo proietta definitivamente ai playoff grazie all’ottavo successo nelle ultime nove gare. Antonio Fazio è determinante (per lui 9 assist, 8 rimbalzi e 3 recuperi) ma bene Pocius, Giorgio Galipò e Laganà. Queste le parole di coach Matteo Angori al termine della gara: “Siamo partiti un pò soft, non abbiamo sviluppato bene il nostro piano partita all’inizio, e cioè correre e limitare i tiri da tre dei loro lunghi. Ci siamo ricompattati subito e abbiamo iniziato a difendere forte, e onestamente quando corriamo riusciamo a far male a tutti. Questo è stato quello che ci ha permesso di prendere un po’ di vantaggio nel secondo quarto. Dopo il rientro dagli spogliatoi abbiamo stretto ancora di più in difesa, perché 40 punti subiti in 20 minuti per i nostri standard sono un po’ troppi, loro hanno provato a rientrare ma noi siamo stati bravi a mantenere un buon vantaggio che ci ha permesso di gestire la gara fino alla fine. Adesso abbiamo le ultime due partite di regular season, sono molto contento perché abbiamo raggiunto il secondo obiettivo dalla stagione: dopo aver acquisito la salvezza ora siamo ai playoff, faccio i complimenti a tutti quelli che lavorano con noi e per noi, adesso proveremo ad alzare ulteriormente l’asticella perché vogliamo continuare a migliorare e toglierci altre soddisfazioni da qui alla fine della stagione”.
    Eagles Palermo – Nuova Agatirno 74-84 (22-13; 40-46; 59-69)
    Eagles Palermo: Rappa 3, Giardina 13, Listwon, Ranalli 4, Bruno 10, Vranjkovic 18, Bagnasco, Tagliareni 14, Palmisano, Dragna 12. All. Priulla
    Nuova Agatirno: Pocius 17, Caula 10, Ravì, Gio. Galipò 18, Gia. Galipò, Triolo 5, Laganà 15, Carlo Stella, Ioppolo, Fazio 11, Giacoponello, Donda 8. All. Angori

    Condividi:
    villa pacis
    villa pacis
    villa pacis
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.