L’Italia al voto: istruzioni per l’uso

    L’Italia al voto: istruzioni per l’uso

    Domani, domenica 4 marzo, si vota in Italia per eleggere i nuovi membri della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica. I seggi saranno aperti solo nella giornata di domani dalle 7 alle 23. Ogni scheda sarà divisa in un certo numero di aree separate tra loro, corrispondenti a ciascun partito o coalizione. All’interno di ogni area ci sarà in testa uno spazio rettangolare con un unico nome: è il candidato scelto da ogni coalizione – o partito – nel collegio uninominale. Sotto lo spazio rettangolare ci saranno una serie di caselle con un simbolo di partito e un certo numero di nomi, dai due ai quattro. Sono le singole liste dei candidati dei partiti che formano la coalizione, che a sua volta sostiene il candidato all’uninominale. Si possono fare al massimo due segni sulla scheda: si può barrare il nome del candidato al collegio uninominale che preferiamo e poi scegliere una delle liste che lo appoggiano. Quindi i due segni devono essere fatti nella stessa area: non è possibile scegliere un candidato all’uninominale e un partito di una coalizione diversa da quella di quel candidato (quello che si chiama “voto disgiunto”). Una volta scelto un candidato uninominale, è possibile scegliere solo e soltanto una delle liste che lo appoggiano. Se si sceglie una lista in un’altra coalizione, la scheda viene annullata. Si può votare una lista, ma non si può scegliere a quale candidato di quella lista dare il proprio voto: la lista dei nomi è solo un’informazione in più. Se alla scheda si aggiungono altri segni sui nomi dei candidati, si rischia di vedere il proprio voto annullato. La procedura più nel dettaglio e la spiegazione di cosa succede dopo aver votato è qui. Applicato alla scheda elettorale troveremo un tagliando antifrode: è il nuovo meccanismo per combattere il voto di scambio. Serve per garantire la regolarità del voto e la conseguenza diretta sull’elettore è che non sarà lui o lei a mettere la scheda nell’urna, ma il presidente del seggio, dopo averla ricevuta dall’elettore. In Sicilia, la sfida è anche contro l’astensionismo: nelle ultime regionali ha votato soltanto il 46 per cento degli aventi diritto.

    Condividi:
    villa pacis
    villa pacis
    villa pacis