Si alza il sipario su “Tindari Teatro Giovani”, ma il teatro greco...

    Si alza il sipario su “Tindari Teatro Giovani”, ma il teatro greco è lontano

    Si è aperta, presso il CineTeatro Comunale “Beniamino Joppolo” di Patti, la diciassettesima edizione di “Tindari Teatro Giovani”, la prestigiosa manifestazione che, anche quest’anno, mette a confronto ed in competizione le rappresentazioni teatrali portate in scena dagli Istituti scolastici partecipanti, provenienti da tutta Italia. Un’edizione che, come già anticipato nei giorni scorsi, corre il serio rischio di dover fare a meno del tradizionale scenario del Teatro Greco di Tindari nella giornata conclusiva; eventualità che, nonostante i reiterati tentativi ed il dialogo instaurato con le autorità competenti (in particolare, con la Soprintendenza ai Beni Culturali di Messina) da parte del Dirigente Scolastico del Liceo Classico pattese “Vittorio Emanuele III”, Professoressa Grazia Gullotti Scalisi, sembra diventare, purtroppo, sempre più concreta. La competizione tra le scuole, in ogni caso, procede regolarmente ed il primo Istituto superiore a cimentarsi nella “pugna teatrale” è stato il Liceo Scientifico Statale “Galileo Galilei” di Mondragone, il quale ha proposto l’opera “Il Bastimento” di Pasquale Schiappa, interamente recitata in dialetto mondragonese. Ad esibirsi sul palcoscenico del “Beniamino Joppolo” in occasione della giornata inaugurale sono stati anche gli alunni dell’Istituto comprensivo di San Piero Patti con “Il viaggio del Piccolo Principe” di Antoine Saint-Exupery e “Sogno di una notte di mezza estate” di William Shakespeare. Tindari Teatro Giovani proseguirà fino al 26 maggio, giorno della premiazione e della rappresentazione de “Le donne in Parlamento” di Aristofane ad opera del Liceo Classico “Vittorio Emanuele III” di Patti.
    Di seguito, il programma delle successive giornate e delle scuole che si avvicenderanno e “sfideranno” sul palcoscenico.

    17 maggio

    Ore 9:30 Istituto Istruzione Superiore “Sciascia-Fermi” di Sant’Agata di Militello con “Notre Dame de Paris”, liberamente ispirato al romanzo di Victor Hugo ed al musical di Riccardo Cocciante.

    Ore 10:30 Istituto Comprensivo di Scuola dell’infanzia, Primaria e Secondaria di I grado di Brolo, con “Lezioni di cittadinanza e Costituzione”, di Carmela Messina.

    21 maggio

    Ore 9:30 Liceo Statale “E. Ainis” di Messina con “A testa alta”, liberamente tratta da “Ciò che inferno non è”, adattamento teatrale e regia Prof.ssa Serenella Scuto.

    Ore 11:30 Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico “V. Fardella” e Liceo Classico “L. Ximenes” di Trapani, con “Le Eumenidi” da Eschilo a Pasolini.

    22 maggio

    Ore 9:30 Scuola secondaria di I grado “Alighieri – Tanzi” di Mola di Bari, con “Donne al Parlamento” di Aristofane.

    Ore 10:30 Liceo Statale “E. Boggio Lera” di Catania, con “Sogno di una notte di mezza estate” di William Shakespeare.

    23 maggio

    Ore 9:30 Liceo “Regina Elena “ di Acireale con “Ettore”, adattamento dall’Iliade di Orazio Caruso.

    Ore 11:30 Istituto Comprensivo Statale “Cannizzaro – Galatti” di Messina, con “Miseria e Nobiltà” di E. Scarpetta.

    25 maggio

    Ore 9:30 Istituto Istruzione Superiore “Basile – D’Aleo” di Monreale, con “Le Supplici – Oltre l’anima” da Eschilo.

    Ore 11:30 Istituto Comprensivo Statale “C. Simonetta” di Caccuri (Kr), con “Cenerentola” (sociodramma) di Luciano M. Falbo (testo tratto dal libro “L’uso educativo didattico del fantastico, dell’immaginario e dell’onirico”, Ed. Sereni).

    26 maggio – Giornata conclusiva

    Ore 15 Rappresentazione Scuola vincitrice – sezioni Istituti Superiori

    Ore 16:30 Liceo Classico – Scientifico – Linguistico “Vittorio Emanuele III” di Patti con “Le donne al Parlamento” di Aristofane, adattamento di Stefano Molica (fuori concorso)

    Ore 18 Premiazione

    Condividi: