Festival della pallamano giovanile a Caltanissetta con l’Esperia Capo

    Festival della pallamano giovanile a Caltanissetta con l’Esperia Capo

    C’era anche l’Esperia Capo d’Orlando baby nella 10^ Tappa del Festival della Pallamano Giovanile Siciliana che si è appena svolto a Caltanissetta. Al via due selezioni che, guidate da Ciccio Lenzo, hanno ben figurato lasciando presagire un futuro ancora duraturo per il club rosanero. Nel primo match per l’Esperia under 11 successo sull’Aetna Mascalucia per 15-9 con 8 reti di Lucio de Angelis, 4 per Aldo Montagno, 1 per Antonino Paterniti, Paola Contiguglia e Giulia Salva’. L’Under 11 ha poi sconfitto anche i locali dell’Audax Caltanissetta per 12-9 (5 reti Lucio De Angelis e Aldo Montagno, 1 Giulia Salva’ e Paola Contiguglia), per poi cedere 12-15 al Guidotto Licata (9 reti Lucio De Angelis e 3 Aldo Montagno), chiudendo con un’altra vittoria per 15-9 sul Mattroina, 6 reti di Lucio De Angelis e Aldo Montagno, Paola Contiguglia, Antonino e Francesco Paterniti con un gol a testa. L’under 13 ha travolto San Cataldo per 16 a 1 (6 reti Francesco Salva’, 3 Simone Salva’ e Sebastiano Paterniti, 4 Samuele Montagno), per poi cedere per 15 a 9 con il Girgenti (6 Francesco Salva’, 1 Sebastiano Bellotti e Aldo Montagno) e 18.9 con l’Aetna Mascalucia (5 Francesco Salva’, 1 Simone Salva’ , 3 Samuele Montagno). Al di la’ dei numeri una gran giornata di sport con 8 società e più di 150 mini atleti che si sono sfidati sui due campi allestiti al PalaCarelli dalla società ospitante Nuova Audax. Per i colori rosanero bottino più che soddisfacente con l’under 13 e l’under 11 che si sono ben comportate con 5 vittorie complessive sugli otto incontri disputati. Un plauso anche alla fighsicilia presieduta dall’immarcescibile Sandro Pagaria che ancora una volta si è dimostrato attento allo sviluppo dei settori giovanili.

    Condividi:
    villa pacis
    villa pacis
    villa pacis
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.