Rottamazione ter al via ufficialmente da domani a Riscossione Sicilia

    Rottamazione ter al via ufficialmente da domani a Riscossione Sicilia

    Saranno disponibili fin da domani sul sito www.riscossionesicilia.it e presso le sedi provinciali, i nuovi moduli per i contribuenti che, con scadenza fissata al 30 aprile 2019, intendono avvalersi dei benefici della definizione agevolata – cosiddetta “Rottamazione ter” – dei carichi affidati all’Agente della riscossione, con possibilita’ di presentazione on line agli indirizzi indicati e brevi manu presso gli uffici messinesi, con quello di via Ugo Bassi a Messina aperto dal lunedi al giovedi dalle 8.20 alle 13 e dalle 14.45 alle 15.45, il venerdi dalle 8.20 alle 12.30, mentre gli sportelli occasionali di Mistretta e S.Agata Militello saranno come sempre a disposizione ogni martedi e giovedi, quest’ultimo giorno utile agli utenti di Capo d’Orlando e Patti (Lipari i primi giorni da calendario di ogni mese). L’adesione vale per i ruoli dal 1° ottobre al 31 dicembre 2017, pur avendo già presentato, per altri carichi, dichiarazione di adesione ex D.L.193/2016 e/o ex D.L. 148/2017, dal 1° gennaio 2000 al 30 settembre 2017, non avendo presentato dichiarazione di adesione ex D.L. 193/2016 e/o ex D.L. 148/2017, dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016, pur avendo già presentato dichiarazione di adesione ex D.L. 193/2016 ed essendo decaduti dal beneficio (e non avendo aderito alla definizione ex D.L. 148/2017), dal 1° gennaio 2000 al 30 settembre 2017, pur avendo già presentato dichiarazione di adesione ex D.L. 148/2017 ed essendo decaduti dal beneficio per non aver assolto all’obbligo di pagamento delle rate di maggiore rateazione scadute al 31.12.2016. I suddetti contribuenti riceveranno dall’Agente della riscossione, entro il 30 giugno 2019, la comunicazione delle somme dovute, unitamente ai bollettini RAV precompilati e dovranno effettuare il pagamento dilazionato fino ad un massimo di 10 rate consecutive in 5 anni, con scadenze a luglio e novembre a partire da luglio 2019; in caso di pagamento dilazionato, dal 1° agosto 2019, sarà calcolato un interesse pari al 2% annuo.
    Non saranno tenuti a presentare alcuna dichiarazione di adesione, ma beneficeranno automaticamente della “Rottamazione ter”, i contribuenti che, avendo presentato dichiarazione di adesione alla definizione ex D.L. 148/2017 pagheranno, entro e non oltre il 7 dicembre 2018: per i carichi del 2017, le rate originariamente in scadenza a luglio, settembre e ottobre 2018, per i carichi 2000/2016, la rata originariamente in scadenza a ottobre 2018.Per ciò che riguarda le restanti due rate in scadenza a novembre 2018 e febbraio 2019, in automatico e senza alcun adempimento per il contribuente, l’Agente della riscossione invia la comunicazione delle somme dovute entro il 30 giugno 2019, dilazionando l’importo in 10 rate per 5 anni con scadenze a luglio e novembre a partire da luglio 2019; dal 1° agosto 2019, verrà calcolato un interesse pari allo 0,3% annuo. Resta salva la facoltà per il contribuente, di effettuare il pagamento in unica soluzione entro il 31 luglio 2019. In entrambe le ipotesi, non ottemperando al pagamento entro il 7 dicembre 2018, si perde definitivamente il beneficio previsto dalla definizione agevolata.
    Infine i singoli carichi affidati all’Agente della riscossione dal 2000 al 2010, con debito residuo alla data di entrata in vigore del D.L. 119/2018 (24 ottobre 2018) inferiore ai 1.000 euro (tranne quelli espressamente esclusi dal comma 4 dell’art. 4), sono automaticamente annullati, pertanto, se inseriti in dichiarazione di adesione alla definizione agevolata ex D.L. 148/2017, i relativi pagamenti effettuati dopo il 24 ottobre 2018 sono imputati come acconto al nuovo piano di definizione, ovvero su altro debito non oggetto di definizione, ovvero rimborsati al contribuente. L’articolo 4 del Decreto Legge n. 119/2018 prevede “lo stralcio” dei debiti di importo fino a 1.000 euro. In particolare, è disposto l’annullamento automatico (senza alcuna richiesta da parte del contribuente) dei singoli debiti, affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010, di importo residuo fino a mille euro, calcolato al 24 ottobre 2018 (data di entrata in vigore del decreto legge), comprensivo di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni. L’annullamento è effettuato alla data del 31 dicembre 2018, per consentire il regolare svolgimento dei necessari adempimenti tecnici e contabili. Una volta effettuato l’annullamento, il contribuente potrà verificare l’estinzione del debito anche consultando la sua posizione debitoria all’interno dell’area riservata. Il Decreto Legge specifica che lo stralcio fino a mille euro non si applica per alcune tipologie di debiti relativi a carichi affidati all’Agente della riscossione. In particolare: debiti relativi alle “risorse proprie tradizionali” dell’Unione Europea e all’imposta sul valore aggiunto riscossa all’importazione; debiti derivanti dal recupero degli aiuti di Stato considerati illegittimi dall’Unione Europea ovvero da condanne pronunciate dalla Corte dei conti; multe, ammende e sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna. Le eventuali somme versate prima del 24 ottobre 2018 (data dell’entrata in vigore del Decreto Legge n. 119/2018) restano definitivamente acquisite, mentre gli importi versati dopo il 24 ottobre sono imputati in ordine: ai debiti residui eventualmente inclusi nella definizione agevolata prima del versamento; a debiti scaduti o in scadenza; In assenza di debiti, gli importi versati dopo il 24 ottobre, saranno rimborsati al contribuente.

    Condividi:
    villa pacis
    villa pacis
    villa pacis
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.