Capo D’orlando: Micale e Bottaro interrogano sulla “sicurezza delle scuole”

    Capo D’orlando: Micale e Bottaro interrogano sulla “sicurezza delle scuole”

    Torna ad interrogare la minoranza del consiglio di Capo d’Orlando, che, questa volta, per tramite dei consiglieri Alessio Micale e Angiolella Bottaro, si sofferma sulla importante “questione sicurezza” delle scuole.
    A seguito di specifici sopralluoghi effettuati in alcuni edifici scolastici orlandini, i consiglieri hanno, infatti, segnalato diverse criticità, soffermandosi in special modo sullo stato delle strutture, sull’adeguamento alle norme di prevenzione e protezione contro gli incendi e sull’abbattimento delle barriere architettoniche.
    “Lampanti le criticità legate all’arredamento che oramai appare vetusto, logoro e indecoroso e quasi non più funzionale. – si legge nel testo dell’interrogazione – Sembra assolutamente tardivo e limitato, conseguente a reiterate richieste, l’impegno di spesa per l’acquisto di arredi scolastici per alcune scuole”. 
    “L’impianto elettrico da sostituire in parte, gli infissi, i bagni, le ringhiere esterne, l’accesso e l’uscita degli alunni di scuola primaria di secondo grado, sono emergenze che non possono più attendere. Risulta evidente, alla luce di questi ed altri numerosi elementi, che non è adeguata ne efficace, né l’attività di programmazione degli interventi, né la tempistica nella risoluzione dei problemi”.
    Esempio emblematico presentato dai consiglieri Micale e Bottaro risulta essere il cortile delle scuole elementari di Via Roma, che “da oltre un anno sembra un campo di patate, nonostante le rassicurazioni sulla sistemazione dell’area in tempi brevi ed a costi ridotti”.
    Posto che, come esplicitamente sottolineato dai consiglieri, “sono certamente positive le notizie che riguardano gli interventi di adeguamento antisismico e strutturale degli edifici scolastici statali, ammessi in graduatoria e quindi finanziati”, la realizzazione di questi progetti non sarà immediata, anzi alcuni sono previsti per l’anno 2019, pertanto sarebbe necessario “nell’attesa che il lavoro svolto trovi realizzazione, risolvere senza attendere oltre, le problematiche immediate connesse alla quotidiana vita scolastica”.  
    Micale e Bottaro interrogano l’Amministrazione chiedendo di conoscere i tempi di ripristino del cortile del plesso di via Roma, in in modo da consentire lo svolgimento dell’attività fisica e motoria dei numerosi allievi; se l’Amministrazione ritiene di dover dare diverso impulso alle attività di manutenzione ordinaria; quando la stessa intende risolvere le criticità legate ai livelli di sicurezza delle scuole “a partire dall’impianto elettrico estremamente pericoloso, dai cancelli, dal sistema di ingresso ed uscita da alcune scuole, ai bagni, alla eliminazione delle barriere architettoniche”; se intende aumentare gli impegni per sostituire l’arredamento scolastico oramai vetusto delle scuole.
    Infine i consiglieri chiedono di conoscere “qual è lo stato di sicurezza statico e sismico degli edifici e lo stato di adeguamento alle norme di protezione e prevenzione contro gli incendi” e “se l’Amministrazione ritiene ancora procrastinabile un incontro con i responsabili degli istituti scolastici che hanno ripetutamente sollecitato l’amministrazione, nell’interesse degli alunni e delle loro famiglie”.

    Condividi:
    villa pacis
    villa pacis
    villa pacis