Home Attualita' Santo Stefano: torna a riunirsi la Scuola Politica del Mezzogiorno

Santo Stefano: torna a riunirsi la Scuola Politica del Mezzogiorno

268

Primo appuntamento del 2019 per la Scuola Politica del Mezzogiorno che torna a riunirsi a S.Stefano di Camastra. Sabato 23 febbraio a Palazzo Trabia si ritroveranno esponenti del mondo politico, istituzionale, accademico, manageriale ed imprenditoriale. Il tema scelto per l’appuntamento stefanese, dopo quelli di Trabia, Tusa e Pettineo, è “ruoli, compiti e sviluppi delle istituzioni, in che direzione ci muoviamo?”. Promotori dell’incontro, insieme alla SPM, l’ASAEL Associazione Siciliana Amministratori Enti Locali, e l’ANCI Sicilia Giovani. Interverranno Tommaso Di Matteo e Gianfranco Gentile Presidente del Consiglio Comunale di Pettineo, coordinatori, della SPM, Matteo Cocchiara Presidente ASAEL, Marco Falcone Assessore Regionale Infrastrutture e mobilità, Margherita La Rocca Presidente Commissione Sanità ARS, Stefano Pellegrino Presidente Commission affari istituzionali ARS e Maurizio Lo Galbo Presidente Anci Giovani Sicilia. A fare gli onori di casa sarà Marila Re, Presidente del Consiglio Comunale di S.Stefano e componente del coordinamento regionale SPM. La macchina organizzativa è già in moto e l’attenzione per questo “open-space” di opportunità, crescita e libero confronto che è la SPM, cresce costantemente. Non ha una matrice politica, non ha barriere partitiche e trincee ideologiche, la visione della SPM è la cultura del confronto, dello scambio condiviso, della partecipazione convinta ad un processo di crescita che dia spunti risolutivi alla politica e alla società. “L’appuntamento di Santo Stefano di Camastra rappresenta un momento di crescita importante- dichiarano Di Matteo e Gentile – la presenza di autorevoli esponenti del mondo politico sarà per noi motivo di soddisfazione, perché avremo modo di affrontare tematiche attuali che riguardano i nostri territori. Il percorso di formazione politica continua, rimanendo consapevoli che soltanto con studi approfonditi si possono raggiungere traguardi ambiziosi per le comunità che rappresentiamo “.