Home Sport A Biella niente leziosismi ed approccio giusto

A Biella niente leziosismi ed approccio giusto

285

Nemmeno il tempo di rifiatare per la Benfapp che dopo un paio di allenamenti domani partirà alla volta di Biella per provare a chiudere rapidamente la serie e concentrarsi così su Montegranaro che, se rispetterà i pronostici, da sabato 25 sarà l’avversario della semifinale in un playoff che, per esigenze televisive, ha ufficialmente stabilito che la finale inizierà l’11 giugno per concludersi il 23. Intanto coach Marco Sodini nel post 2-0 su Biella. «Abbiamo avuto due volti differenti nella stessa partita. Una delle cose che meno mi è piaciuta è stata che ci siamo fatti prendere dall’emotività dei playoff. Non possiamo vincere tutte le partite di 20 punti e se ci sono contatti è normale. Se pensiamo che le squadre vengano qui a fare le vittime sacrificali ci sbagliamo. Non dobbiamo fare forzature, né gli alley-oop provati da Triche, né i tanti tentativi di Bruttini da sotto per provare a mettersi in partita. Ho fatto delle scelte diverse rispetto a gara 1, ma dopo i primi minuti, che dobbiamo assolutamente rivedere in vista delle prossime partite, la partita è stata in controllo. Questa è stata una partita controllata, non dovevamo innervosirci, perché Biella non poteva vincerla. Però dal +21 li abbiamo fatti tornare sul -9, e dobbiamo evitare di dare certi aiuti agli avversari. È stato come sempre molto bravo Bellan, perché condiziona pesantemente le gare quando è in campo grazie all’energia che mette, anche se non sempre tira con percentuali alte. Andiamo a Biella provando a vincere, a fare tutto meglio, dobbiamo essere molto più bravi a gestire i momenti in cui ci aggrediscono, perché saremo in trasferta e in casa loro picchieranno di più. Questa è la quindicesima vittoria di fila, e non posso che essere orgoglioso perché nessuno ha fatto meglio di noi in questa stagione.»