Home Politica Adeguamento pista ciclabile: un’interrogazione sulla sua sicurezza

Adeguamento pista ciclabile: un’interrogazione sulla sua sicurezza

267

Che le piste ciclabili di Capo d’Orlando necessitino di adeguamenti e manutenzioni non è una novità. E non è una novità neanche che il tratto di ciclabile che insiste sul Lungomare “Ligabue” sia quello più pericoloso. Da anni (due) le associazioni (Quajetri in primis) ed i cittadini segnalano disagi sul quel tratto di pista che spesso a causa della mancanza dei cordoli mette in pericolo i ciclisti. Oggi, la sicurezza di quel tratto di ciclabile, attira l’attenzione dei consiglieri Gaetano Gemmellaro, capogruppo della lista ”I Paladini d’Orlando” e del consigliere indipendente Gaetano Sanfilippo che hanno pertanto presentato una interrogazione al sindaco Franco Ingrillì.

I consiglieri rilevano come la ciclabile in questione non sia “delimitata fisicamente, ma è addirittura carente di cordoli delimitatori catarifrangenti e/o similari divenendo, di fatto estremamente pericolosa e poco sicura”. In quella zona, inoltre, “il manto stradale, in diversi tratti risulta essere sconnesso ed avvallato, e le grate laterali sono in parte divelte e costituiscono anch’esse pericolo per la percorribilità della pista ciclabile”. Anche “la segnaletica orizzontale e verticale, carente in tutto il territorio comunale, non fa eccezione nel lungo tratto del lungomare, costringendo spesso alcuni esercenti ad un rischioso “fai da te” per ripristinare le strisce pedonali di fronte ai propri esercizi commerciali”. Così, evidenziate le criticità, i consiglieri Gemmellaro e Sanfilippo chiedono se e quando verrà messa in sicurezza la pista ciclabile, se l’Amministrazione intende installare i cordoli delimitatori del percorso e se intende potenziare l’illuminazione pubblica su tutto il lungomare Ligabue e ripristinare le parti avvallate del manto stradale.