Home Attualita' Spadafora: Corso Umberto I torna ai fasti del passato

Spadafora: Corso Umberto I torna ai fasti del passato

1524

Torna a vivere a Spadafora il corso Umberto I, la storica Nazionale che ha fatto vibrare i cuori di innumerevoli generazioni. Meta di passeggio e fulcro del commercio comprensoriale per anni, ieri sera, grazie all’inaugurazione del nuovo marciapiede dopo i lavori di recupero, riqualificazione e messa in sicurezza per la valorizzazione dell’asse turistico-commerciale – I stralcio, sembrava di essere ritornati al passato. L’atmosfera che si respirava era proprio quella di una volta.

Ad organizzare la serata i commercianti del corso che si sono autotassati in collaborazione con il Comune e l’associazione “11 Novembre”. Un momento importante per ripartire tutti insieme.

Tre i tagli del nastro lungo tutta la passeggiata gremita di gente a cura dell’amministrazione comunale guidata dal primo cittadino Tania Venuto. A benedire il marciapiede e coloro che lo attraverseranno è stato il parroco Giovanni Sottile. Presenti alla cerimonia di apertura, oltre ai consiglieri di maggioranza e minoranza di Spadafora, i sindaci di Villafranca Tirrena Matteo De Marco insieme al vice Giuseppe Cavallaro, di Venetico Francesco Rizzo e di Valdina Antonino Di Stefano.

«Finalmente riconsegniamo alla comunità il corso Umberto I rinnovato augurandoci che possa essere di buon auspicio per il rilancio commerciale del paese», ha affermato il sindaco Tania Venuto. «Un marciapiede che sia luogo di incontri, qui tutti abbiamo sognato -ha aggiunto-. E che sia spirito di uno sviluppo economico nuovo, alternativa ai centri commerciali da cui si differenzia per la sua storicità, per la vicinanza al castello, per essere a due passi dal mare e all’aria aperta». Il primo cittadino ha quindi accennato all’importanza dei piccoli negozi e del legame tra esercente e cliente. Poi il passaggio sui lavori avviati dall’amministrazione Pappalardo ed il riferimento ai pali dell’illuminazione con lo stemma della cittadina e all’arredo urbano. «Vogliamo far tornare ad essere Spadafora quella che è stata, da qui è partita l’economia del comprensorio e da qui deve ripartire. Il nostro paese ha tanto da offrire. Mi auguro che sia la prima di una lunga serie di iniziative in sinergia con l’associazione commercianti», ha concluso la Venuto.

Ad arricchire la manifestazione gonfiabili gratuiti per bambini in piazza Vittorio Emanuele III e sull’asse commerciale negozi aperti con promozioni, degustazioni, intrattenimenti musicali, artisti di strada ed un’esposizione di foto storiche a cura di Francesco Bertino sui pescatori, sulla festa di Spadafora e sulla trasformazione nel tempo della stessa Nazionale. A sigillare la serata gli scatti dell’amministrazione Venuto insieme agli operatori economici di ogni attività commerciale.

Insomma, una prima pietra è stata posata per dare una seconda opportunità a Spadafora con l’auspicio che con il tempo tutte le saracinesche del corso possano ritornare ad essere aperte.