Home Sport L’Orlandina muove i primi passi in attesa dei 2 stranieri

L’Orlandina muove i primi passi in attesa dei 2 stranieri

204

In attesa della prima vera amichevole, alle 18.30 sempre al PalaMangano di S.Agata Militello, contro i pari categoria di Agrigento, avversari anche nella neonata Supercoppa, buona la prima per l’Orlandina Basket che, ancora priva di Brice Johnson appena arrivato a Capo d’Orlando, nello scrimmage ha battuto 79-61 Torrenova, neopromossa in B. Sicuramente un buon test per i biancoazzurri di coach Sodini che partono male nel primo quarto andando sotto 6-15, ma nel secondo ribaltano la gara piazzando un 35-17, con Laganà e Querci sugli scudi per il 41-32. Nel terzo periodo Mobio e Neri fanno da mattatori per l’Orlandina per il 58-48 dopo 30’. Nell’ultimo quarto il coach paladino da’ spazio ai giovani, che lo ripagano con un 21-13 di parziale che vale il 79-61 finale. Top scorer il neo acquisto Lorenzo Querci con 17 punti, 15 per Laganá, in doppia cifra anche Neri e Mobio con 13 punti a testa, Donda 6, Galipó 2, Triassi 3, Ani 8, Teirumnieks 2 e Klanskis 2. Al termine del primo scrimmage stagionale a Sant’Agata Militello contro Torrenova ascoltiamo le prime voci dal raduno dell’Orlandina Basket. David Sussi per l’ottavo anno figura nello staff tecnico paldino a supporto di coach Marco Sodini. “C’è grande entusiasmo e voglia di vincere dopo la finale disputata lo scorso anno. La mia comincia ad essere una storia con tanti capitoli ma credo che la prossima sarà quella più emozionante. Mi aspetto dai ragazzi molti miglioramenti col lavoro, abbiamo atleti giovani non fatti e finiti ma che devono lavorare tanto per arrivare ad un livello superiore. L’obiettivo è vincere, la gioventù non ci preclude nulla, puntiamo a vincere il torneo”. Tra i nuovi arrivati figura il toscano Lorenzo Querci: “Sarà per me la prima stagione da professionista, cercherò di dare tutto me stesso per raggiungere gli obiettivi che la squadra si è fissata. Conoscevo coach Sodini e di lui ho sempre avuto un buon ricordo, in più alcuni ragazzi della squadra oltre a conoscere le radici di basket che Capo d’Orlando ha”. Opinione d’obbligo da parte del preparatore fisico Tommaso Rizzacasa che analizza i primi giorni di lavoro del gruppo bianco azzurro: “Tutto procede bene, siamo ancora incompleti perchè attendiamo i due stranieri oltre al reintegro di Lucarelli e Bellan che sono comunque aggregati. Siamo incompleti per metà. Siamo più giovani rispetto allo scorso anno ma avremo carta bianca dal coach per scrivere una nuova pagina di storia per Capo d’Orlando”. Ancora ai box ma in procinto di tornare col gruppo è Simone Bellan, tra le note liete della passata stagione: “Vogliamo conquistare la categoria che Capo d’Orlando merita. Lo scorso anno la sfortuna ci ha accompagnato ma adesso guardiamo avanti, lo scorso anno c’era un ambiente fantastico col pubblico e la gente innamorata di noi che ci chiedeva una foto od un autografo. Sono contento di essere rimasto”. Infine il pensiero di Matteo Laganà al terzo anno con la maglia paladina: “Sono contento di essere qui, la dirigenza ed il coach continuano a darmi grande fiducia. speriamo di disputare un ottimo campionato, ci stiamo allenando forte proprio per questo”.