Home Sport Orlandina troppo rimaneggiata per essere vera

Orlandina troppo rimaneggiata per essere vera

291

L’Orlandina Basket termina la Supercoppa con una sconfitta casalinga contro Agrigento per 68-108. Le troppe assenze anche questa volta influiscono sul risultato finale: ai box infatti Matteo Laganà, Simone Bellan, Jacopo Lucarelli e Lorenzo Querci, in attesa dell’arrivo a Capo d’Orlando di Tarence Kinsey, previsto in settimana. Tra le note positive da sottolineare comunque la gara da 27 punti e 8 rimbalzi di Brice Johnson, con 11/14 dal campo. 14 punti e 5 assist per Marco Laganà, 10 punti per Giancarlo Galipó. Nei prossimi giorni ci sarà un aggiornamento con gli ulteriori appuntamenti del precampionato, tra cui la partecipazione al torneo Sant’Ambrogio a Reggio Calabria. Passiamo alla cronaca dell’incontro. Sodini comincia la gara con Marco Laganà, Galipò, Mobio, Johnson e Donda. Agrigento segna i primi 8 punti del match, con le triple di Pepe e De Nicolao e la schiacciata di Easley. Johnson schiaccia primi due punti Orlandina e Donda lo imita con un canestro rovesciato su un bell’assist di Galipò. Coach Cagnardi chiama timeout e gli ospiti hanno una nuova reazione portandosi sul 6-15 al 6’. Ambrosin entra dalla panchina e segna due triple in fila, Laganà prova a rispondere, ma dopo 10’ il punteggio è di 16-33. Ad inizio secondo quarto i biancoazzuri provano la rimonta con Johnson sugli scudi, ma Agrigento risponde con James e ancora Ambrosin. Gli ospiti segnano 11 triple su 16 tentativi nel primo tempo e vanno a riposo in vantaggio 44-66. Ad inizio terzo quarto Johnson continua a martellare il canestro dal post basso, ben servito da Laganà e Galipò. I biancoazzurri si sbattono in difesa, ma Agrigento risponde con Easley e De Nicolao ed a fine terzo quarto sono avanti 60-87. Ultimo quarto utile soltanto per le statistiche e per consegnarci il punteggio finale.
Questi gli accoppiamenti dei Quarti di Finale della Supercoppa LNP 2019 Old Wild West, che si disputeranno su singola gara sui campi delle quattro migliori prime classificate della fase di qualificazione, individuate con i seguenti criteri: punti in classifica, quoziente canestri con la squadra seconda classificata del proprio girone, quoziente canestri generale del proprio girone, sorteggio:
BCC Treviglio (1^ girone Giallo, 6 punti, quoz. canestri 1.180 nel confronto diretto con seconda) – Bertram Tortona (1^ girone Verde, 6 punti, quoz. canestri 1.051 con seconda)
Unieuro Forlì (1^ girone Bianco, 6 punti, quoz. canestri 1.141 con seconda) – Old Wild West Udine (1^ girone Rosso, 6 punti, quoz. canestri 1.012 con seconda)
Givova Scafati (1^ girone Blu, 6 punti, quoz. canestri 1.141 con seconda) – XL Extralight Montegranaro (1^ girone Arancione, 6 punti, quoz. canestri 1.072 con seconda)
2B Control Trapani (1^ girone Azzurro, 6 punti) – Reale Mutua Torino (miglior seconda, 4 punti)
Le gare si disputeranno in una data a scelta delle Società ammesse, compresa tra giovedì 19 e domenica 22 settembre.
Orlandina Capo d’Orlando – MRinnovabili Agrigento 68-108 (16-33, 28-33, 16-21, 8-21)
Orlandina Capo d’Orlando: Brice Johnson 27 (11/13, 0/1), Marco Lagana 14 (4/5, 0/1), Giancarlo Galipó 10 (4/12, 0/1), Yantchoue joseph Mobio 7 (2/10, 1/3), Lorenzo Neri 5 (1/2, 1/3), Andrea Donda 4 (2/4, 0/0), Uchena Ani 1 (0/2, 0/0), Ricards Klanskis 0 (0/1, 0/0), Andrea Loiacono 0 (0/0, 0/0), Alberto Triassi 0 (0/0, 0/0), Bruno Longo 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 14 / 21 – Rimbalzi: 26 13 + 13 (Brice Johnson 8) – Assist: 11 (Marco Lagana 5)
MRinnovabili Agrigento: Lorenzo Ambrosin 23 (4/4, 4/6), Simone Pepe 20 (1/1, 4/6), Tony Easley 15 (7/8, 0/0), Giovanni De nicolao 12 (3/3, 2/3), Christian James 12 (0/3, 3/5), Edoardo Fontana 11 (2/3, 1/2), Samuele Moretti 7 (3/4, 0/1), Paolo Rotondo 6 (2/5, 0/1), Giuseppe Cuffaro 2 (1/2, 0/0), Albano Chiarastella 0 (0/0, 0/2)
Tiri liberi: 20 / 26 – Rimbalzi: 25 7 + 18 (Samuele Moretti 7) – Assist: 29 (Giovanni De nicolao 9)