Home Eventi e Cultura Diritto allo studio: a Pettineo un incontro sul ruolo degli Enti Locali

Diritto allo studio: a Pettineo un incontro sul ruolo degli Enti Locali

271

Continuano le attività del numeroso gruppo di amministratori locali siciliani che, dopo gli incontri avvenuti con il Presidente della Regione Nello Musumeci, con l’Assessore Regionale delle Infrastrutture Marco Falcone ed il Presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè, in questa occasione, in collaborazione con l’Asael e la Scuola Politica del Mezzogiorno, hanno organizzato un meeting dal titolo “Ambiti di competenza e ruoli degli enti locali a fronte della nuova legge regionale sul diritto allo studio” che avrà luogo Sabato 26 Ottobre alle ore 10 presso l’aula consiliare del Comune di Pettineo. 
All’evento, oltre ad una nutrita presenza di amministratori provenienti da tutto il territorio regionale, interverranno Gianfranco Gentile, Presidente del Consiglio Comunale di Pettineo e Coordinatore della Scuola Politica del Mezzogiorno, Matteo Cocchiara, Presidente dell’Asael, Domenico Ruffino, Sindaco di Pettineo e Giuseppe Di Rosa, avvocato esperto in Enti Locali. Le conclusioni saranno affidate all’ Assessore Regionale all’Istruzione Roberto Lagalla e all’Assessore Regionale agli Enti Locali Bernardette Grasso. 
Durante la manifestazione avranno modo di dare un apporto i sindaci, assessori e consiglieri comunali presenti che vorranno interfacciarsi con i componenti dell’Amministrazione Regionale.
“Siamo veramente contenti che gli Assessori Regionali Roberto Lagalla e Bernardette Grasso- dichiara Gianfranco Gentile promotore dell’iniziativa – abbiano manifestato l’assoluta disponibilità di incontrare un considerevole numero di amministratori per discutere principalmente della nuova legge regionale sul diritto allo studio ma, essendo presenti svariati rappresentanti degli enti locali, la discussione si potrà certamente approfondire anche su altri aspetti cari alle nostre comunità. Tutto ciò testimonia che il percorso intrapreso da tanti amministratori comunali è certamente un buon viatico per affrontare nella maniera migliore le argomentazioni che riguardano i nostri territori.”