Home Cronaca Falsi certificati Inps: in 36 tra medici e avvocati a giudizio

Falsi certificati Inps: in 36 tra medici e avvocati a giudizio

265

Sono adesso 36 gli indagati, con una serie lunghissima di capi d’imputazione. Si terrà il prossimo 11 marzo 2020 la maxi udienza preliminare per il giro di truffe pensionistiche ai danni dell’Inps, fotografato nei mesi scorsi dal sostituto procuratore Rosanna Casabona. E sarà il gup Salvatore Mastroeni a gestire l’udienza.

L’inchiesta, sul piano dei reati contestati abbraccia un arco di tempo molto vasto compreso tra il 2010 e il 2014. Per fatti accaduti non soltanto a Messina ma anche a Barcellona e in provincia. Il magistrato dopo lunghi mesi di accertamenti nel gennaio di quest’anno aveva notificato un “maxi” avviso di conclusione delle indagini preliminari, che era contestualmente un’informazione di garanzia. Pare che tutto sia nato da alcune intercettazioni telefoniche scattate dopo la tragedia di Provvidenza Grassi, morta tra il 9 e 10 luglio 2013 dopo un terribile volo in autostrada dalla galleria Bordonaro, e ritrovata soltanto il 23 gennaio del 2014 nella scarpata sottostante.

Sono in tutto 36 quindi le persone coinvolte, dopo l’unificazione dei due tronconi originari d’inchiesta, tra medici di strutture pubbliche e professionisti privati, avvocati, titolari e consulenti di patronati, periti in relazione alle cause di previdenza, faccendieri, nonché alcuni beneficiari delle erogazioni pensionistiche. 

Si tratta di: Francesco Abramo, Giuseppe Arrigo, Pasqua Augliera, Santa Berenato, Patrizia Caccioppo, Renato Calvo, Carlo Casile, Fabrizio Ciappina, Pietro D’Alessandro, Gian Placido De Luca, Claudio Dispenzieri, Michele Fonte, Giuseppe Galletta, Antonino Girone, Aldo Giuttari, Giovanni Grassi, Alessandro Grippa, Giuseppina Iaria, Barbara Immormino, Vincenzo Isola, Claudio Italiano, Maurizio La Malfa, Carmelo Longo, Domenico Mendolia, Giovanni Pellegrino, Roberta Pellicanò, Carmela Puglisi, Franco Poeta, Francesco Rando, Carmelo James Scaffidi, Giovanni Siracusano, Pippo Spatola, Luigi Spignolo, Antonello Tommasini, Antonino Trovato, Nicola Zanghì.