Home Attualita' Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne, gli appuntamenti in Sicilia

Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne, gli appuntamenti in Sicilia

427

Oggi, 25 novembre, è la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. La ricorrenza è stata istituita il 17 dicembre 1999 dall’Assemblea generale dell’ONU con l’obiettivo di informare, sensibilizzare e prevenire un problema di cui oggi si continua a parlare incessantemente. I dati sono inquietanti: in tutto il mondo una donna su tre subisce violenza dai 15 anni in su e il 53% evita determinati luoghi per sfuggire a spiacevoli situazioni. Con violenza si intende lo stupro, le molestie, le discriminazioni e tutto ciò che di negativo avviene all’interno delle mura domestiche.

Anche la Sicilia è in prima linea con una serie di eventi organizzati in tutta l’isola.

A Palermo, in piazza Pretoria all’interno della celebre fontana, saranno posizionate 15 sagome di cartone: questo è il numero delle regioni d’Italia dove da gennaio e sino ad oggi sono registrati 92 casi di femminicidio. Quindici sagome per raccontare simbolicamente, con delle frasi, il percorso esistenziale segnato dalla violenza che affrontano molte donne, commemorare le vittime e rilanciare l’impegno sul tema ricordando che il rispetto è sempre alla base di ogni rapporto.

A Campofelice di Roccella verrà installata una panchina rossa, simbolo della lotta contro la violenza sulle donne riconosciuto a livello nazionale. L’iniziativa, organizzata dalla sezione locale dell’Associazione CO.TU.LE.VI (Contro Tutte Le Violenze) in collaborazione con il Comune, prevede l’installazione permanente della panchina all’interno della villetta comunale “Peppino Impastato”.

All’Istituto comprensivo Eugenio Pertini di Trapani, avrà luogo un pomeriggio di mobilitazione di tutta la scolaresca. La manifestazione, dal titolo “La forza di fiorire”, restituire Voce alla donna negata, sarà il leitmotiv dell’iniziativa formativa rivolta agli studenti, alle studentesse e ai genitori.

Al Teatro Biondo di Palermo, si terrà l’incontro “Una Sciarpa Rossa”, organizzato dall’Università degli Studi di Palermo, in collaborazione con la Polizia. La giornata, dedicata al tema “La violenza declinata: racconti scritti e narrati”, sarà introdotta dai saluti di Pamela Villoresi, Direttrice del Teatro Biondo, Fabrizio Micari, Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Renato Cortese, Questore di Palermo, Michele Pennisi, Arcivescovo di Monreale.

Ancora nel capoluogo l’Associazione “Un nuovo giorno” e il Centro di Accoglienza Padre Nostro terranno un seminario dal titolo “Spunti di Cambia-Menti” rivolto proprio alla popolazione detenuta presso la Casa Circondariale “Antonio Lo Russo Pagliarelli”.

La violenza di genere, il femminicidio e il “Codice rosso” saranno al centro dell’incontro di studi promosso dalla deputata regionale del Movimento 5 Stelle, Roberta Schillaci, che si svolgerà a Palermo, lunedi 25 novembre, alle ore 15, nella Sala “Mattarella” dell’Ars.

A Biancavilla al Teatro La Fenice, verrà proiettato un cortometraggio seguito dalla lettura di poesie, mentre alle 11 in Piazza Roma è in programma un corteo degli studenti. A Piazza Martiri d’Ungheria alle ore 11.30 verrà ricordata Valentina Salamone, trovata impiccata a una trave all’esterno di una villetta a Catania, nel 2010, all’età di 19 anni.

Stop alla violenza alle donne è il grido che parte da Bagheria che aderisce alla “Giornata mondiale contro la violenza sulle donne” organizzando alla Certosa di villa Butera, un convegno per informare e sensibilizzare su una situazione i cui dati diffusi dalla Polizia di Stato sulla violenza di genere in Italia sono agghiaccianti.

A Messina il Cirs sarà presente in città organizzando un incontro nella sede dell’associazione con personalità istituzionali e la stampa cittadina. Tutti insieme per parlare di donne vittime di violenza, ma non solo questo. Il Cirs ha pensato a un momento conviviale, in cui protagoniste saranno le stesse ospiti della struttura: daranno prova che il Centro non significa solo accoglienza, un tetto sopra la testa e un pasto caldo, ma, soprattutto, significa ‘reinserimento sociale’.

Il Centro Antiviolenza DonneInsieme “Sandra Crescimano”, che gestisce gli sportelli antiviolenza di Enna, Piazza Armerina e Nicosia, ha programmato una serie di iniziative di sensibilizzazione aperte a tutti, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.

La questura di Agrigento, in linea con le direttive del Ministero dell’Interno, dipartimento della Pubblica Sicurezza – direzione centrale anticrimine della polizia di Stato – nell’ambito della campagna di protezione “Questo non è Amore”, ha organizzato, in sinergia con il tribunale e la Procura della Repubblica di Agrigento, un evento di informazione e sensibilizzazione.