Home Cronaca Messina, arriva la denuncia per Cateno De Luca. Il Viminale parla di...

Messina, arriva la denuncia per Cateno De Luca. Il Viminale parla di “Vilipendio della Repubblica”

597
Cateno De Luca (foto messinaoggi)

Non sono passate sotto traccia le esternazioni e le azioni del sindaco di Messina Cateno de Luca, circa la sua recente gestione anche mediatica degli arrivi al porto di Messina, con tanto di diretta social e accuse alle istituzioni, di persone e mezzi provenienti dal Continente in ingresso in Sicilia.
Parole, quelle di De Luca, che sono state pronunciate a più riprese e in più occasioni – comprese dirette tv locali e nazionali – e che avrebbero leso la rispettabilità delle Istituzioni preposte alla gestione dell’ordine pubblico.
Alcune sue “uscite” sono state anche riprese da noti personaggi dello spettacolo che, tramite i loro seguitissimi profili social, hanno contribuito a diffonderle.

Sono stati quindi segnalati all’autorità giudiziaria i comportamenti tenuti dal primo cittadino messinese “perché censurabili sotto il profilo della violazione dell’articolo 290 del Codice penale, ovvero, Vilipendio della Repubblica, delle Istituzioni costituzionali e delle Forze armate».
La decisione, informa il Viminale, è stata assunta dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, «a seguito delle parole gravemente offensive, e lesive dell’immagine per l’intera istituzione che lei rappresenta, pronunciate pubblicamente e con toni minacciosi e volgari».

«Proprio in una fase emergenziale in cui dovrebbe prevalere il senso di solidarietà e lo spirito di leale collaborazione – sottolinea il Viminale – le insistenti espressioni di offesa e di disprezzo, ripetute per giorni davanti ai media da parte del primo cittadino di Messina all’indirizzo del ministero dell’Interno, appaiono inaccettabili, e quindi censurabili sotto il profilo penale, per il rispetto che è dovuto da tutti i cittadini – e a maggior ragione da chi riveste una funzione pubblica anche indossando la fascia tricolore – alle istituzioni repubblicane e ai suoi rappresentanti».