Home Attualita' “Sono guarito dal Covid, peccato per le cattiverie gratuite”

“Sono guarito dal Covid, peccato per le cattiverie gratuite”

2168

“Finalmente dopo 14 giorni si torna a casa. Un ringraziamento all’ospedale di Barcellona e all’instancabile dottoressa Panella per le cure e l’attenzione prestatemi. Un ringraziamento a tutti coloro che mi hanno fatto sentire stima, affetto e vicinanza in questi giorni di tensione, di incertezza e di paura. Siete stati tantissimi e ricordo con piacere ogni messaggio e ogni chiamata”.
E’ guarito ed è tornato nella sua casa di Pace del Mela Riccardo Ficarra, il 37enne operaio dell’indotto della Raffineria di Milazzo risultato affetto dal nuovo coronavirus e curato al reparto di malattie infettive di Barcellona Pozzo di Gotto. Era stato lui stesso a dare notizia della positività al tampone dal suo profilo facebook e adesso comunica anche la sua guarigione, non risparmiando qualche critica: “Grazie anche a tutti i “geni del sapere” che non si sono risparmiati attacchi e giudizi senza sapere niente di quello che è stato il mio percorso prima e durante questa positività al Covid 19. Ho letto cose assurde e ascoltato tali e tante bugie che vi avranno di certo impegnato qualche ora di una quarantena snervante e avranno forse placato la vostra famelica voglia di trovare un colpevole, a discapito della reputazione e dell’orgoglio di una persona, di una famiglia e di una parte della vostra stessa comunità. Vi ringrazio perché mi avete fatto sentire orgoglioso di essere diverso da voi. Dal virus si può guarire, ma dalla vostra “cattiveria gratuita” non si guarirà mai”.